Questo articolo è stato letto 1 volte

Pompei, assunto perché invalido civile: si ritrova a ricoprire il ruolo di vicecomandante dei vigili urbani

vigili_urbani_armati

Dubbi sulla «regolarità» dell’incarico ricoperto dal tenente Beniamino Contaldo, vice comandante della polizia municipale. A sollevarli, è il consigliere comunale Giorgio Arpaia, il quale ha presentato un’interrogazione consiliare. Il 20 dicembre scorso, infatti, il presidente del gruppo consiliare del Popolo della Libertà ha presentato un’interrogazione consiliare nella quale chiede spiegazioni sul ruolo che svolge il tenente dei vigili urbani Contaldo. Un’interrogazione che prende spunto dal fatto che lo stesso è stato assunto come invalido civile, motivo per cui non avrebbe alcun requisito per ricoprire la sua attuale carica.  Nel documento, firmato da Giorgio Arpaia e indirizzato al presidente del consiglio comunale, Ciro Serrapica, e al primo cittadino, Claudio D’Alessio, si legge: «A seguito di diversi fatti avvenuti all’interno del Corpo della polizia municipale, l’attuale dirigente ha diffuso una nota nella quale, rispondendo alla Prefettura di Napoli, evidenzia situazioni di conflitto esistenti nell’ambito del Corpo».

Per Giorgio Arpaia, «a seguito di interlocuzioni con alcuni appartenenti alla polizia locale, anche del ruolo ufficiali, si è avuto modo di apprendere delle situazioni che, se veritiere, determinano una grave violazione al principio di trasparenza, legalità e buon andamento della pubblica amministrazione, nonché finanche, ipotesi di danno erariale per l’ente».

&

Poi ancora: «Ed invero, risulta che il tenente della polizia municipale, Beniamino Contaldo, tra l’altro attributario della cosiddetta ‘posizione organizzativa’ e quindi facente funzioni di vice comandante, non è in possesso dei requisiti psico-fisici propri degli appartenenti al Corpo in quanto, tra l’altro, assunto come invalido civile. Inoltre, circa quattro o cinque anni fa Contaldo, già appartenete al Corpo nei ranghi degli agenti della Polizia Municipale, ha partecipato alla selezione interna per l’assegnazione della qualifica e della posizione di tenente del Corpo, dichiarando di essere in possesso dei detti requisiti psico-fisici necessari per l’accesso al ruolo di ufficiale, fatti quindi non veritieri».

&

Un’interrogazione che Arpaia presenta al sindaco e al presidente del consiglio comunale ai quali chiede se «risponde al vero che il tenente Contaldo, appartenente al Corpo della Polizia Municipale, sia stato assunto quale invalido civile. Inoltre, se è vero che nell’atto della partecipazione al concorso per l’attribuzione della qualifica e della posizione di tenente, ha dichiarato, nei modi di legge, di essere in possesso dei requisiti psico-fisici necessari per l’accesso al Corpo della polizia municipale. Infine, se è vero che il tenente, nonostante la menomazione fisica, abbia in dotazione l’arma di ordinanza assegnata agli appartenenti al Corpo della Polizia Municipale. Quali provvedimenti si intendono adottare in merito».

&

Fonte:  www.metropolisweb.it

online casino gratis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *