Questo articolo è stato letto 1 volte

Sul verbale non è necessario indicare la matricola dell’apparecchio con il quale si è proceduto all’accertamento della violazione dell’articolo 142 cds
Il commento di G. Carmagnini all’ordinanza della Cassazione sez. II Civile,  4/7/2011 n. 14564

sul-verbale-non-necessario-indicare-la-matricola-dellapparecchio-con-il-quale-si-proceduto-allaccertamento-della-violazione-dellarticolo-142-cdsil-commento-di-g-carmagnini-allor.jpg

Seppure non esistano norme che impongono di indicare marca e modello e la matricola dell’apparecchio rilevatore, in ossequio ai principi generali di trasparenza, conviene sempre soddisfare tale richiesta, anche per evitare un inutile contenzioso con conseguente aggravamento del procedimento sanzionatorio e costi che si riverberano sulla comunità.
Comunque, qualora fosse accaduto di non aver indicato il tipo di apparecchio e la matricola dello stesso al fine di consentire il controllo della regolarità dell’accertamento, è possibile integrare tale dato in giudizio facendo riferimento ai principi consolidati espressi dalla Cassazione…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *