Questo articolo è stato letto 24 volte

La Spezia – Non è bevitore abituale, patente restituita

Ha dimostrato di non essere un consumatore abituale di sostanze alcooliche e il giudice di Pace gli ha restituito la patente dopo “soli” cinquantotto giorni dal ritiro. Era disperato M. G. agente di commercio di una compagnia che distribuisce bibite nella provincia della Spezia, quando alla fine dello scorso maggio i carabinieri all’uscita di una discoteca, lo avevano fermato sottoponendolo al test dell’etilometro.

Il responso fu inclemente: 0.96 milligrami di percentuale alcoolica presente nel sangue, e, immediato ritiro della patente. Per lui, che con il permesso di condurre ci lavora, è stata davvero una catastrofe, anche perché, rivolgendosi alla commissione medica provinciale della Spezia per sottoporsi all’esame che avrebbe certificato la sua “non dipendenza” abituale dall’alcool, aveva scoperto di dover attendere più di sei mesi.

A risolvere la situazione ci ha pensato l’avvocato spezzino Massimo Bertacchini, al quale M. G., si è rivolto. Bertacchini, in vista dell’udienza fissata per ieri, nella quale si discuteva l’opposizione al ritiro della patente per motivi di lavoro, ha consigliato il suo assistito di recarsi presso un istituto privato-laboratorio, e di sottoporsi a tutte le analisi che attestassero il fatto più importante: non essere un bevitore incallito. Il responso degli esami è stato positivo al di là delle più rosee previsioni. E al momento opportuno, durante l’udienza, la documentazione è apparsa sul banco di fronte al giudice Paolo Oneto che, presane visione, ha deciso di restituire la patente immediatamente all’agente di commercio, che dunque potrà ricominciare a lavorare fin da lunedì prossimo.

Fonte: www.ilsecoloxix.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *