Questo articolo è stato letto 0 volte

Cuneo, parcheggiano l’auto senza chiudere le porte: multa da 39 euro

Multati perché hanno lasciato l’auto aperta. Parcheggiata regolarmente, negli spazi tracciati dal Comune. Cinque automobilisti di Cuneo hanno trovato sul parabrezza la contravvenzione di 39 euro. Motivo: violazione del codice della strada, articolo 158, comma 4. Anche se nessuno lo applica (o sa della sua esistenza). Ma non a Cuneo, dove un agente della polizia municipale ha seguito alla lettera la legge, che recita: «Durante sosta e fermata il conducente deve adottare le opportune cautele per evitare incidenti e impedire l’uso del veicolo senza il suo consenso». In altre parole: chiudere a chiave.

Sanzioni previste: da 23 a 92 euro per i motorini, da 39 a 159 per «i restanti veicoli». La comandante della polizia municipale di Cuneo, Stefania Bosio, spiega: «Ho pensato che gli agenti fossero impazziti. Ma ne sono state fatte 5 e il motivo c’è: la violazione scatta se lasci l’auto aperta in luoghi in pendenza. Dove chi passa può facilmente togliere il freno a mano e fare danni. Magari per uno scherzo. Una vettura lasciata senza freno a mano e senza marcia inserita, alcuni giorni prima, proprio in quel parcheggio aveva travolto altre vetture. Così sono iniziati i controlli e le sanzioni».

Tra gli automobilisti multati una donna: vive in una frazione a 10 km da Cuneo, lavora in municipio. Rimasta con l’auto in panne il giorno prima, ha preso quella della madre, lasciandola in uno dei parcheggi gratuiti all’esterno della città, per poi raggiungere il centro con un bus navetta. Spiega: «L’automobile ha due chiavi: una per l’accessione, l’altra per le portiere, perché negli anni una delle chiavi si era spezzata ed è stata sostituita. Avevo con me solo una chiave. Ho fatto la cosa che mi sembrava più logica, non potendo chiuderla: ho preso dall’auto libretto e altri documenti e sono andata al lavoro. Sopra non c’era nulla di appetibile per un ladro». Al ritorno la multa: 39 euro. Chiede spiegazioni all’ufficio multe, gliene danno una generica: un’auto aperta può essere rubata, quindi devi essere sanzionato. La donna multata: «A me nessuno aveva spiegato del pericolo. Ho pagato perché il ricorso sarebbe costato ancora di più, ma continua a sembrarmi profondamente ingiusto».

Uno dei 5 multati è riuscito a farsi annullare la sanzione: ha dimostrato che la portiera era stata forzata pochi giorni prima dai ladri, presentando la fattura del meccanico. Impossibile chiudere quell’auto.

Fonte: www3.lastampa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *