Questo articolo è stato letto 0 volte

Regno Unito: l’alta velocità in auto fa litigare

Tesco Cars, uno dei maggiori siti britannici dove è possibile acquistare auto d’occasione, ha effettuato una ricerca tra i suoi visitatori basata su interviste e ha scoperto alcuni singolari aspetti della vita privata degli automobilisti che si svolge negli abitacoli delle vetture. In pratica è stata esplorata la propensione al litigio tra i passeggeri.

UOMINI AL 25% – Il 22,7% degli utenti del sito ha dichiarato che la guida a velocità troppo elevata è causa di battibecchi tra il conducente e il passeggeero. Ciò vale sia per gli uomini, sia per le donne, ma mentre il 21% delle seconde ammette che l’alta velocità è la vera causa delle tensioni, per gli uomini il dato sale al 25%. Al secondo posto come motivo di litigi è risultato invece l’aver preso una direzione sbagliata per recarsi da un luogo all’altro, una risposta data dal 18% del campione. Un intervistato su 10 ha indicato l’aggressività del partner durante il viaggio come motivo di discussioni mentre solo il 3,9% ha sostenuto che esse si accendono per colpadell’irrequietezza dei bimbi seduti a posti posteriori. Una curiosità “geografica”: la regione britannica dove l’alta velocità è maggiormente causa di tensioni è quella delle Midlands, con il 55% degli intervistati che l’ha indicata come motivo principale dello scontro, mentre a Londratale percentuale scende a meno del 15%.

CALMI PER SOLI 22 MINUTI, POI… – Rebecca Ryan, direttore marketing di Tesco Cars, hai dichiarato che «Molte coppie hanno sperimentato almeno una volta il litigio in macchina. Considerate le potenziali conseguenze dell’alta velocità in auto, non c’è da stupirsi se essa sia il motivo principale dal quale può scaturire la lite». La ricerca, comunque, ha indicato che nel Regno Unito l’abitacolo di una vettura in movimento ha in ogni caso probabilità molto alte ditrasformarsi in un campo di battaglia: in media, le intemperanze verbali scattano 22 minuti dopo l’inizio del viaggio.

Fonte: www.sicurauto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *