Questo articolo è stato letto 0 volte

Nuova precisazione del Min. dell’interno sull’effetto del ricorso ai fini della comunicazione dati conducente. Un tentativo di riparare, dopo i chiarimenti della Corte Costituzionale? Ma, invece, sembra cadere in nuove contraddizioni. A cura di G. Carmagnini

nuova-precisazione-del-min-dellinterno-sulleffetto-del-ricorso-ai-fini-della-comunicazione-dati-conducente-un-tentativo-di-riparare-dopo-i-chiarimenti-della-corte-costituzionale-ma-invece-semb.jpg

Dopo aver più volte commentato le circolari del Ministero dell’interno, nonché le precisazioni offerte dalla Corte Costituzionale, molti commentatori si sono schierati sulla linea interpretativa proposta, mi pare di poter dire “per la prima volta”, su questo servizio in ragione dell’ultima ordinanza della Corte Costituzionale e, a quanto pare, qualcuno ha sollevato le stesse perplessità agli estensori delle circolari in questione, i quali, pare leggersi nell’ultima esternazione che qui si propone, tentano di uscire dall’angolo, senza tuttavia convincere.

Intanto, come soluzione possibile per evitare l’aggravio delle continue notifiche delle richieste di comunicare i dati del conducente a seguito di ogni possibile esito dei ricorsi amministrativi e giurisdizionali, sino alla definitiva soluzione del contenzioso in Cassazione, il Ministero suggerisce di inserire nel verbale una dicitura che avverta il destinatario della richiesta che l’obbligo previsto di comunicare i dati del conducente decorrerebbe, non come prescrive tassativamente l’articolo 126-bis, dalla data di perfezionamento della notifica, ma bensì dalla conclusione del contenzioso (e quindi con il definitivo rigetto dell’ultimo ricorso possibile ? o comunque dell’ultimo ricorso che l’interessato intenda proporre ? cosa che potrebbe essere verificata solo allo scadere del termine per proporre ricorso avverso l’ordinanza, ovvero appello avverso la sentenza, oppure ricorso in cassazione, con tutti gli ovvi problemi che non pare siano conosciuti da tutti).

Comunque lo stesso Ministero pare adombrare la non completa efficacia di tale soluzione, laddove ammette che le problematiche proposte all’attenzione degli estensori della circolare dovrebbero essere “in larga parte superate” (testuale); già, ma a noi interessa, anche ai fini della responsabilità contabile, quelle situazioni che in “minima parte” non possono essere superate.
Inutile dire che si continua lo slalom, ma si saltano le porte di un ragionamento coerente e, infine, la circolare pare non seguire la via suggerita dalla Corte Costituzionale. Infatti, si legge nella circolare che…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *