Questo articolo è stato letto 0 volte

Affetta da malattia rara, può vivere solo in auto

In due anni è stata multata per 4mila euro. Appello ai vigili per annulargliele

L’auto è l’unico luogo in cui riesce a vivere. Non è un’esagerazione o un modo di dire, ma la drammatica storia che da anni affligge una donna di nome Ester che risiede a Roma. All’età di 30 anni ha scoperto di soffrire di MCS, ovvero di una malattia rara che si chiama Sensibilità Chimica Multipla e che le impedisce di venire a contatto con tutto ciò che sembra “banale”, come il balsamo per capelli per esempio, che all’età di 30 anni l’ha fatta finire in ospedale con una crisi respiratoria. Per questo, spiega Ester al Corriere della Sera: “Porto sempre con me anche un certificato che mi consente di entrate direttamente in codice rosso, senza sostare all’accettazione, perché non posso tollerare neanche i prodotti per lavare i pavimenti”.

L’unico luogo dove riesce a vivere è appunto l’automobile. “Vivere in auto è stata una costrizione mi lavavo nel giardino, che facesse freddo o troppo caldo”. Le multe però sono arrivate, per un totale di 4mila euro in due anni. “Alcuni vigili non si rendevano conto della mia condizione e agivano per dovere, altri semplicemente mi scambiavano per matta”, spiega ancora al quotidiano che ha lanciato un appello al sindaco, al Consiglio comunale e al Comandante della Polizia Municipale di Roma affinché queste multe le vengano tolte.

Fonte: www.omniauto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *