Questo articolo è stato letto 25 volte

Autotrasporto, UE: approvata definitivamente la direttiva Eurovignette

Il Consiglio ha approvato la riforma della direttiva Eurovignette 1999/62/CE. Il voto, intervenuto a valle di un iter legislativo lungo e travagliato, segna l’entrata in vigore della direttiva, che dovrà essere recepita dagli Stati membri nel termine di due anni dalla pubblicazione sulla gazzetta ufficiale dell’UE. La nuova direttiva aggiorna il quadro di tariffazione del trasporto pesante di merci su strada in modo da consentire agli Stati membri di calcolare e differenziare i pedaggi in funzione dei costi esterni causati dal trasporto in termini di inquinamento atmosferico, acustico e di congestione, in applicazione del principio “chi inquina paga”.

Tali pedaggi, fino ad ora applicati alla sola rete transeuropea, si estenderanno a tutte le autostrade. I veicoli conformi ai più severi standard sulle emissioni saranno esentati dall’onere per l’inquinamento atmosferico per quattro anni a decorrere dalla data in cui la nuova direttiva diverrà applicabile. Ciò significa che i veicoli appartenenti alla classe Euro IV beneficeranno dell’esenzione fino al 31 dicembre 2017, i veicoli EURO V fino al 31 dicembre 2013. Gli Stati membri potranno esentare i veicoli di massa inferiore a 12 tonnellate, ad esempio qualora l’applicazione dei pedaggi provochi notevoli effetti negativi o costi amministrativi eccessivi.

Una maggiorazione potrà essere invece applicata, a certe condizioni, agli oneri di infrastruttura nelle regioni montuose. Sebbene non sussista un obbligo in tal senso a carico degli Stati membri, le entrate generate dagli oneri di infrastruttura e per i costi esterni dovrebbero andare a sostegno dei progetti nel settore dei trasporti, in particolare a favore della rete transeuropea di trasporto. Un obbligo espresso di accantonamento è previsto, invece, per le entrate derivanti dalla maggiorazione sugli oneri di infrastruttura nelle regioni montane o dalla maggiorazione per i costi esterni sui veicoli inquinanti.

Fonte: www.trasporti-italia.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *