Questo articolo è stato letto 23 volte

Infortunistica stradale: responsabilità del comune per segnaletica inesistente/errata/inefficiente. La relazione presentata da A. Borzumati alla XXX edizione de “Le Giornate della Polizia Locale”

infortunistica-stradale-responsabilit-del-comune-per-segnaletica-inesistenteerratainefficiente-la-relazione-presentata-da-a-borzumati-alla-xxx-edizione-de-le-giornate-della-polizia.jpg

Garantire un maggiore livello di sicurezza nella circolazione stradale dovrebbe essere un obiettivo comunea tutti gli enti preposti all’apposizione e gestione della segnaletica sulle strade.

Le condizioni delle strade italiane rappresentano, soprattutto in quest’ultimi anni un forte elemento dirischio per la sicurezza di chi guida, malgrado in passato la rete infrastrutturale sia stata un fiore all’occhiellodel Paese. Lo stato attuale di manutenzione della segnaletica e dell’asfalto richiede un urgentepiano di investimenti e di interventi su ogni tipo di strada. Il problema della sicurezza stradale il legislatorepensava di averlo risolto destinando i proventi contravvenzionali alla manutenzione delle strade edella segnaletica.

L’art. 208 del codice stradale, infatti, prevede che ogni ente proprietario della stradabenefici di parte dei proventi delle sanzioni amministrative per la segnaletica e interventi per la sicurezzastradale. Di fatto ciò non si realizza, perché manca un serio piano programmatico di interventi voltiall’adeguamento dei segnali e della rete viaria ai criteri di sicurezza, come peraltro prevedono le norme.I fattori che determinano la sinistrosità sono principalmente la distrazione del guidatore, l’eccesso divelocità, l’ebbrezza, cause sicuramente preoccupanti, ma rappresentano il 40 per cento dei motivi diincidente. Il 30% dipende dalla manutenzione delle strade e un altro 30% da come è disegnata, realizzatae segnalata la rete viaria. Questi dati derivano da un recente studio effettuato da un pool di tecnicidi 30 università italiane per conto della Società italiana di infrastrutture viarie (SIIV di cui fanno partericercatori, esperti e tecnici coinvolti nella progettazione, costruzione, manutenzione e gestione di strade,ferrovie ed aeroporti). Come dire, che non è sempre colpa dell’automobilista se succede un incidente,anzi, il più delle volte a causarlo è una disfunzione strutturale o un’indicazione sbagliata…

Continua a leggere

 
– Tutte le relazioni presentate al Convegno di Riccione 2011 pubblicate finora su questo servizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *