Questo articolo è stato letto 1 volte

Bari – Vigili senza divise, solo pettorine

Insolita e singolare protesta degli agenti della Polizia Municipale di Bari. Come preannunciato nei giorni scorsi, i vigili urbani hanno deciso di lavorare senza divise ma solo in abiti civili indossando una pettorina catarifrangente, e in qualche caso anche ner, con la scritta ‘Polizia Municipale’. Qualche automobilista li ha scambiati per parcheggiatori, soprattutto nei pressi della Fiera del Levante, qualcun altro invece per operai stradali. Ma dalla dura legge delle multe e da quell’inconfondibile colpo di fischietto nemmeno oggi si poteva sfuggire.La mobilitazione, organizzata dalle sigle sindacali Cgil, Cisl, Uil, Csa e Sulpm, è stata causata dai ritardi da parte del Comune di Bari nella consegna delle nuove divise. A distanza di tre anni, nonostante la firma del contratto con il nuovo fornitore, i vigili baresi si ritrovano a dover indossare pantaloni scuciti, camicie logore e stivali addirittura bucati.

Molti di loro hanno dovuto provvedere a proprie spese per rimediare. Non proprio un bel bigliettino da visita per chi costantemente è a contatto con il pubblico e i cittadini. Dopo la pubblicazione di alcune foto da parte del Barisera, che hanno documentato lo stato delle uniformi, la direzione generale di Palazzo di Città è corsa a ripari ordinando la distribuzione già da oggi del nuovo abbigliamento, tra cui i primi 40 pantaloni e le prime 40 giacche.

Ma non è questo l’unico problema. “Dopo le divise strappate adesso ci avete ridotto in mutande” è la scritta che campeggiava su un cartellone esposto stamane davanti al Comune. Dal primo settembre, a causa del decreto anticrisi del Governo, gli enti locali non possono più utilizzare il fondo di riserva maturato dalle multe stradali. Si tratta di un piccolo tesoretto, a Bari da 2,8 milioni di euro, che garantiva il pagamento di tutti i servizi aggiuntivi della Polizia Municipale. Ora con un colpo di spugna tutti questi servizi sono saltati: stop alle pattuglie notturne 22-24, al rilevamento dell’etilometro in quella fascia oraria e al presidio davanti alle scuole all’entrata e all’uscita degli alunni. Altre questioni riguardano anche la mancanza di sicurezza sul posto di lavoro, lo scarso addestramento e la mancanza di un’armeria comunale. “Tutti problemi – commentano i sindacalisti che il Comune già conosce da tempo e che ha ignorato per mesi”.

A gennaio scorso dopo l’infuocata polemica tra il sindaco e i vigili per le foto postate su Facebook su presunti casi di fannulloni, nel corso di un’assemblea che si svolse al Comando alla presenza dei vertici comunali, i sindacati esposero tutta la situazione.Intanto, per domani è confermata l’assemblea che si svolgerà in piazza Prefettura dalle 9 alle 12 e dalle 18 alle 21.

Fonte: www.barisera.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *