Questo articolo è stato letto 0 volte

Roma – Etilometri e palette rosse, no alla guida ubriachi: controlli e 25 patenti ritirate

Raffica di controlli dei carabinieri sulle strade della Capitale: decurtati 400 punti; 13 auto sotto sequestro

Nuova campagna per la sicurezza sulle strade: nelle notti di sabato e domenica i carabinieri di Roma hanno eseguito controlli a tappeto sulle principali arterie di numerosi Municipi della Capitale. Il bilancio dell’operazione è 13 carte di circolazione e 25 patenti di guida ritirate. Decurtati complessivamente poco meno di 400 punti patente. 
Tutte le pattuglie erano munite di etilometro. Ben 13 gli automobilisti, italiani e stranieri (età compresa tra i 21 ed i 51 anni), sorpresi alla guida delle rispettive auto dopo aver alzato un po’ troppo il gomito. Inoltre, i carabinieri hanno elevato ben 260 contravvenzioni per altrettante infrazioni delle norme contenute nel Codice della Strada.

IL NUOVO CODICE – Da quando, il 13 agosto 2010, sono entrate in vigore le norme a «tolleranza zero» che vietano la guida ai neopatentati e conducenti professionali che abbiano consumato anche poche bevande alcoliche, e abbassano i limiti massimi per uomini e donne , polizia, carabinieri e guardia di Finanza hanno ritirato migliaia di patenti.
Il divieto assoluto di bere vale per i giovani in possesso della patente di guida da meno di tre anni e per autisti, tassisti, camionisti e, più in generale, per tutti coloro che sono al volante per motivi di lavoro.

MAPPA DEGLI ETILOMETRI – La guida in stato di ebbrezza è causa ogni anno di un alto numero di incidenti: secondo l’Istituto Superiore di Sanità, infatti, il 30 per cento dei sinistri in Italia avviene per guida in stato psicofisico alterato da alcol e droga. Un accordo tra fondazione Ania e Campidoglio ha messo a disposizione 60 precursori digitali, due sono stati assegnati ad ogni gruppo di vigili urbani, eccetto il I municipio, il centro storico che ne ha avuti 4 e 20 sono andati al Git; dei 40 mila etilometri monouso ne sono stati assegnati 1.000 ad ogni municipio, eccetto il centro storico che ne ha avuti 4.000 ed i restanti 18 mila sono stati ricevuti dal gruppo intervento traffico.

CONTROLLI NEI LOCALI – Dal 2010, gli etilometri sono diffusi anche nei locali notturni della Capitale: sono 1.500 gli esercizi che si sono m uniti dell’apparecchio per consentire ai clienti di misurare il proprio tasso alcolemico prima di decidere se rimettersi alla guida.

Fonte: roma.corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *