Questo articolo è stato letto 0 volte

Ciclisti: più sono, meno incidenti subiscono

Questi i risultati di un’indagine svolta dall’Automobil Club tedesco analizzando le statistiche dei sinistri in 43 grandi città

Una ricerca dell’ADAC, l’Automobile Club tedesco, ha rivelato che in Germania, nelle grandi città, all’aumentare del numero dei ciclisti in circolazione corrisponde una diminuzione degli incidenti che li vedono vittime.

CICLISTI, CATEGORIA A RISCHIO – Sulle strade tedesche, circa 1.000 persone vengono coinvolte ogni giorno in un incidente stradale. Di queste, 192 sono ciclisti, la categoria più vulnerabile. Chi viaggia in sella a una bicicletta, infatti, ha una probabilità di essere coinvolto in un sinistro più alta di 2,3 volte rispetto a quelal che si registra tra gli altri utenti della strada. Lo studio dell’ADAC, che ha analizzato le statistiche sugli incidenti che hanno coinvolto dei ciclisti in 43 città tedesche con più di 100.000 abitanti tra il 2005 e il 2010, ha evidenziato una tendenza che si può considerare molto positiva ai fini della sicurezza stradale. Infatti, mentre è confermato che il numero dei ciclisti in queste città è aumentato, il numero di incidenti che li vede coinvolti è diminuito. In 22 delle 43 città considerate, per esempio Erfurt, Wiesbaden e Amburgo, il numero di incidenti è sceso sotto la media. Anche in altre 12 città è sceso, ma non è risultato inferiore al valore medio di tutte le 43 città.

PIÙ BICI, PIÙ ATTENZIONE – Gli esperti tedeschi hanno rilevato che man mano che il numero dei ciclisti sulle strade aumenta, cresce parallelamente l’attenzione alla guida da parte degli altri utenti. Tuttavia, è questa è una delle conclusioni significative dello studio, la sicurezza di chi usa quotidianamente la bicicletta dipende moltissimo dal fatto che le infrastrutture siano adeguate. Se ne deduce che in Italia, data che l’oggettiva situazione in fatto di piste ciclabili è ben lontana da quella che si registra in Germania, i ciclisti non possono certo godere di elevati standard in fatto di sicurezza e l’elevato numero di vittime lo dimostra. Sotto questo aspetto, insomma, il nostro Paese ha ancora molto da imparare dai tedeschi e, in genere, dalle nazioni del Nord Europa.

Fonte: www.sicurauto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *