Questo articolo è stato letto 1 volte

Trasporti: al via in Messico congresso mondiale della strada

Il Congresso mondiale della strada e’ uno degli appuntamenti piu’ rilevanti a livello mondiale per la comunita’ di studiosi e operatori del settore delle infrastrutture stradali, con un ricco programma di convegni e tavole rotonde a cui prenderanno parte relatori di altissimo livello scientifico e tecnico, nonche’ responsabili delle direzioni riguardanti i sistemi stradali.
La prima giornata prevede la sessione dei rappresentanti governativi dei Paesi partecipanti sul tema: “La mobilita’ sostenibile nell’ambito della politica sociale”. Tra gli argomenti principali che saranno trattati durante i cinque giorni a Citta’ del Messico rientrano la sostenibilita’, l’innovazione, la sicurezza stradale e la compatibilita’ ambientale delle costruzioni stradali. L’obiettivo del congresso e’ facilitare lo scambio delle conoscenze tra i Paesi membri sull’evoluzione delle tecniche stradali, della viabilita’ e del trasporto su strada, della ricerca sulle infrastrutture stradali. Inoltre, si avviera’ un confronto tra le prospettive che ogni Paese ha maturato sul sistema viabilita’ nel suo insieme, con un particolare riguardo alla progettazione, gestione e manutenzione e ai piu’ progrediti metodi di pianificazione delle strade. Infine, una particolare attenzione sara’ riservata alle esigenze dell’utenza, nonche’ ai progetti finalizzati a far coincidere le prospettive tecniche di sviluppo della viabilita’ con gli obiettivi di contenimento dei costi.
“Abbiamo scelto gli studi da presentare al Congresso – ha aggiunto Pietro Ciucci – sulla base del loro contenuto di innovazione tecnologica applicata alla costruzione delle opere stradali, cosi’ come alla gestione delle reti, con esempi concreti di global service”.
Le analisi e le proposte che scaturiranno dal Congresso mondiale della strada costituiranno una base per approfondire studi e ricerche che garantiscano un costante miglioramento in un settore molto delicato e di grande importanza, come quello della viabilita’ e della sicurezza stradale. 

Fonte: www.trasporti-oggi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *