Questo articolo è stato letto 0 volte

Lazio/sicurezza stradale: regione, 4,3 milioni per centro monitoraggio

In arrivo 4,3 milioni di euro per realizzazione il Centro di monitoraggio della sicurezza stradale della Regione Lazio. La Giunta Polverini ha infatti approvato la delibera che stanzia le risorse e autorizza Astral spa alla sua realizzazione. Il progetto e’ finanziato dal Ministero dell’Economia per 3 milioni di euro, mentre la Regione Lazio mette a disposizione un co-finanziamento di 1,3 milioni di euro.
”Un’iniziativa molto importante – dichiara il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini – che testimonia ancora una volta la sensibilita’ di questa Giunta al tema della sicurezza stradale. Il Centro di monitoraggio vuole essere il nostro contributo per garantire sempre maggiori livelli di sicurezza sulle strade del territorio, a tutela della vita dei nostri concittadini e per favorire la diffusione di una cultura della sicurezza a tutti i livelli”.
”Il Centro di monitoraggio – aggiunge l’assessore regionale alle Infrastrutture e Lavori pubblici, Luca Malcotti – rappresenta un salto di qualita’ nella gestione della rete viaria regionale. La sua funzione, infatti, e’ quella di costituire il sistema informativo sulla base del quale programmare gli interventi di manutenzione straordinaria e di adeguamento delle infrastrutture. E’ uno degli impegni che avevamo preso con la Carta europea della sicurezza stradale e che viene puntualmente mantenuto”.
Nel dettaglio, attraverso questa iniziativa, la Regione Lazio si propone di realizzare il monitoraggio delle condizioni di sicurezza stradale, sviluppando specifiche indagini conoscitive sull’incidentalita’ al fine di formare degli specifici archivi di base. E ancora, prevista la costruzione del catasto stradale regionale, con la rilevazione di caratteristiche sulla rete stradale regionale e sullo stato manutentivo (Km 1.200) e la realizzazione di un modulo sperimentale di manutenzione programmata estesa su 200 km della rete stradale regionale; nonche’ la rilevazione dei volumi e delle caratteristiche dei flussi di traffico su 1.200 km della rete stradale di interesse regionale, con particolare riferimento alle situazioni caratterizzate da elevati livelli di rischio. Al centro dell’attivita’ del Centro di monitoraggio ci sara’ anche la rilevazione dei comportamenti di guida a rischio, con la conseguente realizzazione di un programma di azione di contrasto, nonche’ azioni di formazione, sostegno e costruzione di una cultura di governo della sicurezza stradale, condivisa da tutti i soggetti che hanno responsabilita’ istituzionali di sicurezza stradale presenti nel territorio regionale.

Fonte: www.asca.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *