Questo articolo è stato letto 1 volte

Ne combina di tutti i colori. Tolti 46 punti dalla patente

Quando la polizia locale gli ha intimato l’alt, anziché fermarsi ha accelerato, dandosi alla fuga a tutta velocità. Alla fine, però, a un ventenne lecchese il tentativo di fuga non è andato a buon fine. È stato bloccato dagli agenti, che gli hanno ritirato la patente e tolto ben 46 punti. 

L’episodio nella notte tra sabato 22 e domenica 23 ottobre a Dalmine. Gli agenti della polizia locale, assieme ai carabinieri della stazione della cittadina, sono stati impegnati per tutta la nottata con due posti di controllo con l’obiettivo di contrastare il fenomeno delle cosiddette stragi del sabato sera. 

Un posto di controllo è stato organizzato all’altezza del casello, mentre il secondo lungo l’ex statale 525 del Brembo. Proprio qui è transitato, attorno alle 3, il ventenne: era al volante di un furgone Mitsubishi. Anziché fermarsi all’alt, ha proseguito la sua marcia, imboccando la nuova Dalmine-Villa d’Almè, in direzione di Lecco. 

La polizia locale si è però subito lanciata all’inseguimento: tallonato il giovane a 180 chilometri orari, gli agenti sono riusciti a fermarlo all’altezza di Treviolo. Il ventenne è risultato positivo all’alcoltest (aveva il doppio del limite consentito dalla legge, pari a 0,5 microgrammi per litro), ma non solo. 

Sul veicolo, che avrebbe potuto trasportare al massimo due persone per la tipologia, c’erano ben 5 suoi amici. Tornavano da una serata in una discoteca della zona. Questo aspetto, unito all’eccesso di velocità, alla guida sotto l’effetto di alcol e ad altre infrazioni, ha consentito al ventenne di accumulare sanzioni al Codice della strada che prevedono la decurtazione di ben 23 punti dalla patente (che gli è stata comunque ritirata). Essendo però neopatentato, i punti gli sono stati raddoppiati. Risultato: ben 46 punti in meno e fermo del veicolo.

Fonte: www.ecodibergamo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *