Questo articolo è stato letto 0 volte

Cassazione, danno patrimoniale a casalinga investita da auto

Ridotta la capacita’ lavorativa

Se la casalinga si fa male tanto da vedersi ridotta la “capacità lavorativa”, c’é un mancato guadagno per la donna e quindi esiste anche il diritto ad un risarcimento del danno patrimoniale, al pari di ogni altro lavoratore. Lo sottolinea la Cassazione che ha accolto la domanda di risarcimento di una signora catanese che aveva riportato una “invalidità permanente” a seguito di un incidente stradale. La casalinga era stata investita da un’auto mentre era a bordo del suo motorino. Per l’incidente, nel 2008, la Corte d’Appello di Catania le aveva riconosciuto 94mila euro come pagamento dall’assicurazione dell’auto (riducendo la somma stabilita in primo grado)e aveva respinto la domanda di risarcimento per il “danno patrimoniale”. Nel ricorso in Cassazione, la donna aveva sostenuto che “non è razionale ritenere che una invalidità permanente particolarmente elevata non spieghi alcuna conseguenza sull’attività di casalinga”. E la Terza Sezione Civile le ha dato ragione: “E’ ormai certo – scrive la Cassazione nella sentenza n.23573 – che il danno da riduzione della capacità di lavoro, sofferto da persona che, come la casalinga, provveda da sé al lavoro domestico, costituisce una ipotesi di danno patrimoniale e non biologico. Ne consegue che chi lo invoca ha l’onere di dimostrare che gli esiti permanenti residuati alla lesione della salute impediscono o rendono più oneroso (ovvero impediranno o renderanno più oneroso in futuro) lo svolgimento del lavoro domestico”. Per questo ora la Corte d’Appello dovrà ricalcolare il risarcimento per la casalinga, in base all’invalidità riportata.

Fonte: www.ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *