Questo articolo è stato letto 0 volte

Pubblicata in G.U. la legge di stabilità. Debito degli enti locali, tagli alle regioni, dismissioni, patto di stabilità: ecco in sintesi cosa cambia per le autonomie. L’approfondimento a cura di F. Laurendi

pubblicata-in-g-u-la-legge-di-stabilit-debito-degli-enti-locali-tagli-alle-regioni-dismissioni-patto-di-stabilit-ecco-in-sintesi-cosa-cambia-per-le-autonomie-lapprofondimento-a.jpg

Dopo il disco verde della Camera, il provvedimento è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di ieri

Dalle pensioni alla mobilità per gli statali in esubero, dalle dismissioni all’aumento delle accise sulla benzina, dal rifinanziamento della “legge mancia” all’agevolazione per le spese sostenute dal Comune di Barletta per il crollo della palazzina. Sono alcune delle misure contenute nella legge, in cui mancano però le norme sui cosiddetti licenziamenti facili e la patrimoniale, interventi che erano stati paventati nei giorni scorsi per rispondere alle richieste della Ue. Nel pacchetto non rientrano nemmeno misure a favore delle zone alluvionate, in attesa della stima dei danni. Ecco le principali novità.

Pensione vecchiaia a 67 anni. A partire dal 2026 tutti, uomini e donne, andranno in pensione di vecchiaia a 67 anni. Raggiunto nel 2026 il requisito di 67 anni, questo crescerà “ulteriormente” per effetto dell’adeguamento agli incrementi della speranza di vita “per raggiungere valori prossimi ai 70 anni attorno al 2050”.

Tariffe minime professioni. Arriva la liberalizzazione degli ordini professionali. La riforma degli ordini professionali dovrà essere fatta entro 12 mesi. Vengono eliminate le tariffe minime dei professionisti.

Dismissione immobili pubblici. Arriva la dismissione degli immobili pubblici attraverso il conferimento a uno o più fondi comuni d’investimento immobiliare e a una o più società, anche di nuova costituzione, le cui quote o azioni saranno prioritariamente oggetto di offerta pubblica di vendita. Il Tesoro potrà accettare come corrispettivo anche titoli di Stato. I proventi saranno destinati alla riduzione del debito pubblico.

Vendita terreni agricoli Stato. Entro tre mesi il ministero delle politiche agricole individuerà i terreni dello Stato a vocazione agricola da vendere. Prevista la possibilità di modifica della destinazione urbanistica.

Tasse Abruzzo. Riprende dal 2012 la riscossione delle tasse ai cittadini abruzzesi colpiti dal sisma del 2009 e l’ammontare dovuto per ciascun tributo o contributo…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *