Questo articolo è stato letto 3 volte

Per configurarsi il reato di disturbo della quiete pubblica provocato dall’abbaiare dei cani, è sufficiente che il rumore sia idoneo a disturbare un numero indeterminato di persone

per-configurarsi-il-reato-di-disturbo-della-quiete-pubblica-provocato-dallabbaiare-dei-cani-sufficiente-che-il-rumore-sia-idoneo-a-disturbare-un-numero-indeterminato-di-persone.jpg

Se è vero che per la configurabilità della contravvenzione prevista dall’art. 659 cod. pen. è necessario che i lamentati rumori abbiano attitudine a propagarsi e a costituire un disturbo per una potenziale pluralità di persone, ancorché non tutte siano state, poi, disturbate (Sez. 1, n. 1394, 09/12/1999, Bedigni, rv. 215327), tuttavia, trattandosi di reato di pericolo presunto, non è necessaria la prova dell’effettivo disturbo di più persone, ma è sufficiente l’idoneità del fatto a disturbare un numero indeterminato di persone (Sez. 1, n. 40393, 08/10/2004, Squizzato, rv. 230643).

Cassazione sez. I Penale, 2/12/2011 n. 44905

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *