Questo articolo è stato letto 0 volte

Nola – “La polemica delle contravvenzioni? Solo una gran confusione”

L’Assessore alla P.M, Giuseppe Esposito, ha risposto alle ultime dichiarazioni rese dal Comandante dei Vigili Urbani, Carmine Lanzaro. Un malumore che, in pochi giorni, ha generato un susseguirsi di botta e risposta tra Amministrazione e gli agenti della Polizia Municipale.

 

Non sembra aver trovato conclusione la polemica innescata nell’ultima assise nolana. La questione riguarda un “contenzioso” tra il Comandante dei Vigili Urbani, Carmine Lanzaro ed alcuni esponenti della politica nolana.

 

In particolare, tutto è iniziato dopo alcuni malumori dimostrati nell’ultimo consiglio comunale di mercoledì scorso. Prima sono “piovute” critiche sull’operato del corpo della polizia municipale, poi la questione relativa al tetto di contravvenzioni dei vigili nolani che, entro l’anno, avrebbero dovuto toccare la somma di un milione di euro. Dopo la “bomba” innescata nell’assise nolana, il Comandante Lanzaro ha convocato una conferenza stampa nella quale ha spiegato, carte alla mano, le carenze del suo organico dovute a “ristrettezze economiche e la somma (pari a 400mila euro) delle contravvenzioni elevate nell’ultimo triennio:

“Non mi sono mai sognato di prevedere per l’anno 2011 un milione di euro di entrate dalle infrazioni del codice della strada; come si può vedere dagli atti la somma da me prevista era di 400.000,00 euro, in piena sintonia con la media degli ultimi tre anni come previsto dalla normativa vigente”. A queste dichiarazioni è giunta repentina la risposta dell’Amministrazione nolana. Ad intervenire è stato l’Ass. al ramo, Giuseppe Esposito: “Premetto che nutro profonda stima e rispetto nei confronti del Col. Lanzaro e per tutto il Corpo di Polizia Municipale, sottolineando la mia testimonianza del loro quotidiano impegno nelle funzioni assegnate. Spesso gli stessi si trovano ad affrontare e risolvere problematiche create dalle disfunzioni di altri uffici che si ripercuotono sul corpo di Polizia Municipale essendo l’interfaccia più prossima ai cittadini”.

 

Alle dichiarazioni di solidarietà, nei confronti dell’operato del corpo della Polizia Municipale, Esposito ha poi posto in essere le linee guida che il suo assessorato sta portando avanti nonostante le tante difficoltà: “Ciò, però, non può esimermi dall’essere cosciente delle difficoltà che questo settore attraversa e per le quali, di concerto con il Col. Lanzaro, dal giorno del mio insediamento, stiamo cercando di affrontare e portare a soluzione- ha sottolineato l’Ass. alla PM di Nola- ritengo che il continuo miglioramento del servizio debba essere la stella polare degli agenti anche per ridare il massimo prestigio al Corpo di P.M. che, probabilmente negli anni, è andato via via offuscandosi.

 

Mi spiace che si sia innescata una polemica relativa ai dati di incasso delle contravvenzioni, peraltro con grande confusione, che nulla ha a che vedere con i veri obiettivi che questa Amministrazione, per il mio tramite, ha chiesto da subito al Dirigente del settore. E mi riferisco, ad esempio, al problema della occupazione arbitraria di pezzi di territorio pubblico o al problema atavico della viabilità e della sosta selvaggia che ormai non è più sopportabile né dai cittadini in primis, né da chi è chiamato ad amministrare una città come la nostra”. Una battaglia quotidiana che, secondo Esposito potrà essere risolta solo portando avanti una politica coerente ed organica:

“Tale problema non può essere risolto con interventi spot ma va inserito in un contesto organico di rimodulazione che passa soprattutto attraverso il coraggio di scelte, anche non popolari, ma che in un prossimo futuro, forse quando non sarò più assessore, diano i propri frutti”. L’assessore ha poi precisato che alcuni progetti, già in cantiere, dovranno essere posti in essere non solo sulla “carta” bensì con il supporto di tutti i soggetti coinvolti nel processo di cambiamento della viabilità che prenderanno forma nei prossimi mesi a Nola: “Sin qui l’Amministrazione la sua parte l’ha fatta, dando gli indirizzi e fissando gli obiettivi come, ad esempio, l’adozione del nuovo piano traffico e la zona a traffico limitato: ora tocca a chi è deputato ad attuare le scelte strategiche fatte dell’amministrazione; noi siamo qui ad attendere i risultati del loro lavoro nei prossimi tre mesi, entro i quali dovranno essere rese efficaci tali scelte.

Non voglio entrare nelle tematiche della gestione che spetta esclusivamente al Dirigente del settore, ma sono convinto, soprattutto da cittadino nolano, che tutti gli agenti della Polizia Municipale debbano assolvere il proprio compito con maggiore impegno ed abnegazione, magari con la consapevolezza che la divisa che indossano impone loro una particolare vicinanza ai problemi della gente, di quei tanti nostri concittadini onesti e rispettosi delle regole, a cui va resa giustizia, reprimendo i comportamenti non corretti di chi ormai da anni è abituato a violare le regole della civile convivenza”.

 

Una risposta dell’Amministrazione Biancardi che ha toccato anche la questione relativa alle rimostranze, riguardo la carenza di fondi, sollevata da Lanzaro: “ Relativamente alle lamentele ormai ricorrenti sulle risorse disponibili e sulle dotazioni necessarie, credo che questa Amministrazione sia stata sempre attenta ai bisogni del corpo di Polizia Municipale; certo non sempre si può concedere quanto richiesto ma, ovviamente, va sempre cercata una soluzione condivisa attraverso il buon senso e considerando le ristrettezze economiche di questi periodi; va ricordato – ha continuato Esposito – solo a titolo esemplificativo, che l’Amministrazione ha messo a disposizione 30.000 euro, sia per l’anno 2010 che per l’anno 2011, per l’acquisto della massa vestiaria, ma il Comando di Polizia Municipale non ha inteso utilizzarle non attivando le necessarie procedure di gara per la fornitura”.

 

Dichiarazioni, quelle dell’Ass. al ramo che si sono concluse con suggerimenti rivolti agli uomini guidati dal Com. Lanzaro: “Auspico infine che, chi ha la fortuna di ricoprire il ruolo di Agente di Polizia Municipale, non subordini sempre e solo il proprio impegno ad una questione meramente economica, ma si renda partecipe di un nuova stagione di cambiamento mediante il suo massimo contributo nell’ambito del servizio svolto ed anche con l’apporto delle proprie idee”.

 

Fonte: www.ilmediano.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *