Questo articolo è stato letto 1 volte

Catene da neve e pneumatici invernali. 
Il punto sulla situazione normativa a cura di Giuseppe Carmagnini

catene-da-neve-e-pneumatici-invernali-il-punto-sulla-situazione-normativa-a-cura-di-giuseppe-carmagnini.jpg

La nuova disposizione introdotta nell’articolo 6 del codice della strada dalla legge 29 luglio 2010, n. 120, passata parzialmente in sordina lo scorso anno, è tornata di recente all’onore delle cronache, anche per la solerzia dimostrata dagli enti proprietari della strada che, sulla scorta dei concessionari delle tratte autostradali che si erano già attivati l’inverno scorso, hanno iniziato a emanare ordinanze a raffica imponendo per periodi, spesso irragionevolmente lunghi, l’obbligo di avere a bordo le catene da neve, ovvero i pneumatici invernali.

Questo attivismo, portato all’esasperazione dai mezzi di informazione, ha determinato nell’utenza la necessità di accedere a informazioni qualificate circa la regolarità dei dispositivi antisdrucciolevoli e le modalità del loro impiego.

Appare quindi opportuno riassumere le disposizioni che disciplinano la materia, con l’avvertenza che esistono dei coni di ombra che non paiono superabili dall’esame della normativa nazionale e internazionale.

La prima modifica, di scarso rilievo, ha riguardato la definizione degli pneumatici da neve o da ghiaccio, indicati ora come “invernali”; si tratta di sistemi antisdrucciolevoli alternativi alle catene, noti anche come pneumatici termici, i quali garantiscono una buona tenuta in presenza di temperature basse, grazie alla particolare mescola a base di silice e uno specifico battistrada.  Ma la vera novità è che può essere prescritto non solo che i veicoli siano muniti di questi dispositivi, come in passato, ma anche che i sistemi antisdrucciolevoli (o gli pneumatici, solo in ipotesi) siano a bordo dei veicoli, in modo da essere impiegati in caso di necessità, quando sono molto probabili le precipitazioni nevose o ghiaccio sulla strada. La prescrizione dovrà però essere resa nota a mezzo di una segnaletica non espressamente prevista dal regolamento. La modifica trova fondamento dai fatti verificatisi negli anni passato, quando la mancanza dei dispositivi a bordo dei veicoli ha determinato interminabili ingorghi autostradali…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *