Questo articolo è stato letto 0 volte

Bimbo ucciso da auto pirata a Torino, si cerca altra donna che stava per essere travolta

Il fanale rinvenuto è di un altro veicolo. Acquisite nuove immagini delle telecamere

Gli inquirenti stanno cercando una donna che, secondo un filmato purtroppo non troppo definito, stava per essere investita mentre attraversava sulle strisce pedonali dall’auto che , sabato pomeriggio a Torino, poco prima aveva travolto e ucciso il piccolo Alex di 7 anni.

Da quanto hanno ricostruito gli agenti della Polizia Municipale del capoluogo l’auto investitrice ha percorso la carreggiata centrale di corso Peschiera in direzione di piazza Sabotino e ha poi svoltato a destra in corso Montecucco, facendo perdere le proprie tracce nelle vie limitrofe. Nella svolta stava per investire anche la donna che potrebbe essere una testimone preziosa. Gli investigatori confermano che, dagli indizi raccolti, l’auto pirata e’ una Renault Clio di colore scuro.

Il veicolo ha una profonda ammaccatura nella parte anteriore ed e’ senza specchietto laterale sinistro, staccatosi nell’urto e finito a terra. Il blocco fanale rinvenuto sullo spartitraffico e’ risultato invece essere di un’altra auto che non ha nulla a che fare con l’incidente. I vigili rinnovano a tutti i cittadini l’invito a fare segnalazioni al numero della Centrale Operativa, 011 4606060Ora gli investigatori hanno allargato l’area di analisi e acquisito i filmati delle telecamere di altri esercizi commerciali della zona nella speranza di intercettare nelle immagini il veicolo in fuga. Intanto mercoledì sera, alle 20,30, si è svolta una fiaccolata a Caselle Torinese, dove abita la famiglia, per ricordare il piccolo Alessandro.

Fonte: www.adnkronos.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *