Questo articolo è stato letto 0 volte

Guida sicura e in regola in ogni Paese: un nuovo sito dell’UE

La Commissione Europea ha sviluppato un sito internet che informa sulle regole per la sicurezza stradale vigenti in tutti i Paesi europei, comprese l’Islanda, la Norvegia e la Svizzera. L’interfaccia del sito è molto semplice, basta infatti cliccare sul Paese desiderato per ottenere tutte le informazioni necessarie. Per ogni nazione, si possono conoscere le seguenti informazioni:

  • – Limiti di velocità
  • – Tasso alcolemico massimo ammesso
  • – Regole di accensione delle luci di marcia diurne
  • – Regolamentazione pneumatici invernali
  • – Elenco degli accessori di sicurezza obbligatori per le automobili
  • – Elenco degli accessori di sicurezza per i ciclisti

MODERARE LA VELOCITÀ – Molto spesso capita di trovarsi in auto in Paesi stranieri e di non sapere quale sia il limite di velocità consentito per il tipo di strada che si sta percorrendo. Se si è in autostrada i limiti sono di solito ben segnalati, ma per quanto riguarda le strade urbane ed extra urbane può capitare invece che non ci siano segnali visibili e frequenti. Il superamento dei limiti comporta conseguenze poco piacevoli: oltre ad una sanzione, potrebbe compromettere anche la sicurezza stradale. Il sito della Commissione Europea aiuta gli automobilisti segnalando le velocità consentite. Per esempio per quanto riguarda la Spagna, in autostrada il limite è di 120 km/h, nelle strade extraurbane è tra i 90 e i 100 km/h a seconda del numero delle corsie o della larghezza della banchina e in città è di 50 km/h.

ALCOL – Sempre in vacanza, capita di uscire a cena fuori e bere un bicchiere di vino o di birra come accompagnamento al pasto. Dobbiamo però ricordarci che anche una ridotta quantità di bevande alcoliche può renderci positivi all’alcoltest delle forze dell’ordine. Onde evitare problemi con la legge (e, ancora una volta, con la sicurezza stradale), è sempre meglio informarsi sul tasso alcolemico consentito. Anche in questo caso, il sito della Commissione Europea lo riporta. I limiti consentiti differisco per patentati “normali”, neo patentati e conducenti professionali. 
Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia e Ungheria: limite pari a 0 g/l per i patentati “normali”Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Ungheria, Germania, Italia e Slovenia: limite pari a 0 g/l  per i neopatentatiRepubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Ungheria, Germania, Italia, Slovenia e Svizzera: limite pari a 0 g/l per i conducenti professionaliRegno Unito e Malta sembrano invece meno rigorose, per tutte e tre le categorie infatti, il limite è stato fissato a 0,8 g/l.

LUCI E PNEUMATICI – Due elementi che a volte vengono trascurati sono le luci di marcia diurne e gli pneumatici invernali. Per quanto riguarda le luci diurne c’è da dire che dal 7 febbraio 2011, secondo la Direttiva 2008/89/EC del 24/09/2008, le nuove automobili prodotte devono essere equipaggiate da un impianto luci che si accenda automaticamente all’avvio del motore. Per quanto riguarda invece i modelli precedenti, le luci diurne non sono obbligatorie per Austria, Belgio, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna e Svizzera, se non in alcuni casi specifici. Sono invece obbligatori gli pneumatici invernali, anche in questo caso con particolari eccezioni, in Germania, Estonia, Islanda, Italia, Lituania, Lettonia, Austria, Slovenia, Finlandia e Svezia.

SICUREZZA PER AUTOMOBILISTI E CICLISTI – Il sito internet indica anche quali sono gli accessori di cui gli automobilisti e i ciclisti devono essere muniti:

  • – Automobilisti
  • – Giubbotto riflettente
  • – Triangolo di segnalazione
  • – Cassetta di pronto soccorso
  • – Estintore
  • – Ciclisti
  • – Giubbotto riflettente
  • – Casco protettivo 

Il sito è sicuramente interessante per le informazioni che offre, ma necessita di qualche miglioria. La Commissione Europea fa sapere infatti che i dati inseriti hanno valore informativo e possono differire da quanto previsto dalla legge dei vari Paesi. Però da un sito ufficiale ci si aspetterebbero solo informazioni assolutamente precise, controllate e aggiornate.

Fonte: www.sicurauto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *