Questo articolo è stato letto 0 volte

Permesso invalidi, l’utilizzo abusivo non è reato

pass_disabili

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 24454/11, ha affermato che l’utilizzo abusivo del permesso invalidi trova la sua sanzione nella contravvenzione amministrativa, ma non ha alcuna rilevanza penale.

 

 

Il caso

Due donne circolavano tranquillamente nella zona traffico limitato della città utilizzando indebitamente il permesso invalidi appartenente a una terza persona, esibendolo sul parabrezza dell’auto. Il Procuratore della Repubblica propone ricorso per cassazione avverso la sentenza di non luogo a procedere in ordine ai reati di sostituzione di persona e truffa, emessa dal Tribunale di Firenze.

La Suprema Corte, in virtù di quanto disposto in passato dalla Corte Costituzionale (328/2000), avalla quanto già disposto dal gip. Si ritiene, infatti, che il contrassegno indica semplicemente che il veicolo è al servizio di una persona invalida per cui la semplice apposizione del permesso sull’autovettura non configura il reato di sostituzione di persona (art. 494 codice penale), ma comporta solo una contravvenzione amministrativa (art. 188 Codice della Strada).

Per i giudici, anche il reato di truffa non è addebitabile alle imputate perché manca, come requisito implicito di tale reato, «l’atto di disposizione patrimoniale che costituisce l’elemento intermedio derivante dall’errore e che è causa dell’ingiusto profitto con altrui danno». Per queste ragioni la Corte di Cassazione rigetta il ricorso del pm.

 

Fonte: www3.lastampa.it

Fonte:

One thought on “Permesso invalidi, l’utilizzo abusivo non è reato

  1. A proposito di permessi dei disabili.
    La mia domanda è questa: Nel contrassegno è raffigurato un soggetto in CARROZZINA, GIUSTO!???
    Allora il contrassegno indica che il posteggio è riservato alle persone NON DEAMBULANTI.
    Perciò sarebbe opportuno che il legislatore intervenga sul fatto che NESSUNO all’infuori di questi può parcheggiare. Neppure i cosidetti pseudoinvalidi. Ciò al fine di ovviare ad errate interpretazioni su chi effettivamente può vantare il diritto esclusivo del posteggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *