Questo articolo è stato letto 0 volte

Oltre seimila incidenti d’auto: ecco le strade più pericolose di Torino

La mappa delle strade più pericolose di Torino è un susseguirsi di cifre e di nomi, inquadrati in tre colonne dai titoli sinistri: incidenti, feriti, morti. Perché nonostante i numeri siano in costante diminuzione, il presidente dell’Aci torinese, Piergiorgio Re, è tornato a ribadire che per la sicurezza stradale si può fare ancora molto. Ad esem­pio intervenendo sulle 21 strade che l’Auto­mobilclub ha monitorato negli ultimi tre anni e sulle quali si sono verificate più di 3.500 sinistri, trenta dei quali mortali.

Dal 2009 a oggi, la maglia nera della viabilità torinese resta saldamente sulle spalle di cor­so Regina Margherita, dove i sinistri dei primi mesi di questo 2011 sono stati 169, con 135 feriti. A seguire, corso Giulio Cesare, dove il bilancio di 130 incidenti è aggravato da un mortale. Nessuna vittima in corso Unione Sovietica (114 gli scontri, con 97 feriti), mentre in corso Trapani i morti sono stati due e 92 gli interventi dei sanitari, a fronte di “appena” 72 incidenti. Una mappa di sangue che non ri­sparmia nessuna zo­na della città: da San­ta Rita, con un morto in corso Agnelli, a Madonna del Pilone, con un altro in corso Casale, da corso San Maurizio a Barriera di Milano e il mortale di corso Giulio Cesare.

Fonte: www.cronacaqui.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *