Questo articolo è stato letto 0 volte

Roma – Si fingono vigili e assaltano la banca. Unicredit rapinata

unicredit

Nella centralissima filiale di piazza di Spagna, in pieno giorno, cinque rapinatori italiani armati di pistole e travestiti da poliziotti municipali, si sono lanciati all’assalto delle casse dell’istituto. Ancora da quantificare il bottino trafugato.

 

Si sono presentati in cinque, camuffati con casacche di forze dell’ordine, probabilmente della polizia municipale, nella filiale Unicredit di piazza di Spagna in pieno giorno, verso le 4 del pomeriggio e hanno rapinato la banca.
Tre dei rapinatori, quelli “operativi”, fingendosi vigili urbani dunque, sono entrati nella centralissima banca, minacciando gli operatori con delle pistole e costringendoli a consegnare il bottino.

 

Questa la ricostruzione della dinamica del “colpo” mentre rimane ancora da capire la modalità attraverso la quale la banda di rapinatori, tutti italiani, sia entrata in possesso delle casacche della polizia municipale utilizzate per la rapina. Ancora da quantificare inoltre, il bottino portato via con delle valigie.
Angelo Bonelli, presidente dei Verdi, commenta: “La rapina di questo pomeriggio in piazza di Spagna è un segnale inquietante e allarmante. Il centro di Roma dovrebbe essere uno dei luoghi più sicuri al mondo, vista la presenza di sedi di Governo e centri di potere, ma evidentemente i tagli continui e indiscriminati, 3 miliardi in tre anni, fatti dal precedente Governo hanno messo le forze dell’ordine in ginocchio”.”Erano anni che non si vedeva una rapina a mano armata al centro della Capitale – continua Bonelli – episodio che si aggiunge ai 33 morti dovuti alle guerre di bande criminali del 2011, e ciò conferma ciò che abbiamo sempre sostenuto: il problema non è solo la criminalità organizzata, ma anche e soprattutto la copertura del territorio da parte delle forze dell’ordine che non sono messe in condizioni di operare – continua – In ciò hanno perfettamente ragione i sindacati delle forze di Polizia che qualche mese fa hanno lanciato l’allarme circa l’impossibilità di controllare con efficacia il territorio, al punto che in alcuni commissariati della Capitale gli agenti si pagano da soli la benzina per le volanti”.

 

Fonte: affaritaliani.libero.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *