Questo articolo è stato letto 0 volte

Al volante a 92 anni, va contromano. Schianto mortale sulla Firenze-Pisa

L’uomo ha imboccato la superstrada Firenze-Pisa-Livorno in senso opposto. Ferito gravemente un giovane

LIVORNO – Contromano sulla superstrada Firenze-Pisa-Livorno in una mattinata di traffico (quella di stamani, martedì) da bollino rosso e con un lunghissimo serpentone di tir che dal porto di Livorno stavano raggiungendo il capoluogo toscano.

INTRAPPOLATO NELLE LAMIERE – È finita con la morte del guidatore, Pietro Grocco, un pensionato di 92 anni di Guasticce (Livorno), e il ferimento grave di un trentatreenne, ma secondo la polizia stradale poteva essere una strage. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo, a bordo di una Fiat Bravo scura, avrebbe imboccato la superstrada in senso contrario all’entrata di Lavoria, pochi chilometri da Livorno, in direzione Firenze. Mancavano pochi minuti alle 11, ma nonostante il traffico intenso il pensionato è riuscito percorrere alcuni chilometri senza riuscire a capire che cosa stava accadendo. Lo scontro è avvenuto in località Vicarello. L’auto di Grocco si è scontrata contro una Yaris in fase di sorpasso. Alla guida un impiegato di 33 anni che ha tentato disperatamente di evitare l’impatto e ha rischiato di essere catapultato al di là del guard-rail ed è poi rimasto imprigionato nelle lamiere della sua auto. A liberarlo i vigili del fuoco che hanno lavorato anche con la fiamma ossidrica. Trasportato all’ospedale di Livorno, il giovane è stato ricoverato per alcune fratture agli arti e al bacino: è grave ma non sembra in pericolo di vita. La patente del pensionato pare fosse stata rinnovata recentemente.

Fonte: www.corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *