Questo articolo è stato letto 0 volte

Sicurezza stradale, la gran parte dei giovani sceglie il “guidatore designato”

Il 64% dei giovani mette in pratica il meccanismo del guidatore designato, per prevenire gli effetti dell’alcool alla guida e viaggiare sicuri. È uno dei dati più rilevanti emerso dai risultati, resentati dall’Automobile Club d’Italia, della campagna di sensibilizzazione a proposito dell’alcool rispetto alla sicurezza stradale, con il nome di “Divertiti Responsabilmente 2011”, che ha coinvolto 25.000 giovani, dai 18 ai 34 anni, nei pub e nelle discoteche dei luoghi di divertimento più note e frequentate dai ragazzi. Alla campagna hanno aderito con spiccata collaborazione 106 sedi provinciali dell’ACI.

 “Con un incremento del 27% rispetto allo scorso anno – evidenzia il Direttore di AC. Modena Dott. Giuseppe Pottocar- I ragazzi riconoscono all’unanimità (96% del campione) che tale soluzione sia la più efficace per scongiurare i rischi derivanti dalla guida in stato di ebbrezza, unitamente a un maggiore impegno delle Istituzioni nella sensibilizzazione sul tema (85% delle risposte) e a maggiori controlli sulle strade (79%)”.

 “ Sono risultati importanti soprattutto se si pensa ai brindisi per le prossime festività natalizie, in concomitanza delle quali si registra un aumento dell’incidentalità stradale: nei tre giorni dal 24 al 26 dicembre del 2010 gli incidenti sono cresciuti del 4,7% rispetto al 2009 e i morti del 22% (a fronte di una diminuzione complessiva nell’arco dell’anno dell’1,9% per i sinistri e del 3,5% dei decessi). –Continua il Direttore. Non sono solo i giovani a destare preoccupazione in questo periodo di festa: i morti sulle strade sono aumentati nel 2010 del 260% tra gli over60 e del 100% tra i 25-27enni.La campagna “Divertiti Responsabilmente” ha sfruttato anche Internet: grande successo per l’iniziativa “Guida il tuo video”, con la quale i ragazzi hanno fornito la propria testimonianza a favore del ‘Guidatore Designato’ registrando un video in materia di guida sicura. Le videointerviste pubblicate su Facebook hanno ottenuto in pochi mesi circa 38.000 visualizzazioni che hanno raggiunto complessivamente 82.000 ragazzi grazie alla viralità tipica del social network”.

È necessario un sostegno adeguato da parte delle Istituzioni nei confronti dei giovani che evidentemente si impegnano per la sicurezza stradale, per cui sarebbe molto appropriato inserire un approfondimento sulla guida in stato di ebbrezza nei corsi di conseguimento della patente; così come l’ACI fa nelle autoscuole Ready2Go con simulatori che dimostrano l’alterazione della percezione conseguente l’assunzione di alcol.

Fonte: www.ilsitodimodena.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *