Questo articolo è stato letto 0 volte

Roma – Ruba l’identità per sfuggire ai controlli della Polizia

L’ hanno avvicinata con la scusa di qualche chiacchiera due agenti dell’ VIII gruppo della Polizia locale di Roma Capitale e hanno scoperto un vasto traffico di identità che coinvolge adulti e minorenni

La protagonista della vicenda è una ragazzina dodicenne che i due poliziotti, un uomo e una donna, hanno visto chiedere l’elemosina nei parcheggi del centro Commerciale “Roma Est”. La bambina, condotta negli uffici della Polizia, ha denunciato maltrattamenti e la volontà di essere allontanata dal proprio nucleo familiare, fingendosi orfana per non essere riaffidata al padre. A questo punto sono cominciate le ricerche sulla sua vera identità, per cui è stata anche chiesta la collaborazione della Polizia Locale di Torino, dove la ragazzina è nata. Dall’archivio di precedenti indagini è risultato che il padre della dodicenne, un pregiudicato di 32 anni, utilizzava l’identità di un omonimo residente in Svizzera. Il genitore nel tentativo di riavere la ragazzina aveva persino denunciato la sua scomparsa alle Forze dell’Ordine. Una volta ricostruita l’intera vicenda si è anche scoperto che già nel 1999, quando aveva appena un anno, il Tribunale per i Minorenni di Roma aveva disposto l’affidamento della bambina ai Servizi Sociali del Comune di Roma. 

Questo episodio lascia presumere che ci sia un traffico di identità che coinvolge adulti e minori rendendo così molto difficile stabilire le reali generalità dei figli, a quali famiglie appartengano e le conseguenti responsabilità di chi ne esercita la potestà genitoriale.

Fonte: www.romacapitale.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *