Questo articolo è stato letto 1 volte

Pavia, 96mila multe. Il Comune incassa grazie alle strisce blu

Giurato: «Sono aumentati i parcheggi a pagamento» Al Comune 4 milioni 300mila euro dal codice della strada

Più controlli in città e automobilisti più indisciplinati. E il risultato è il numero di multe per infrazioni del codice della strada: 95.824 nel 2011. Il 30 per cento in più del 2010. Superato l’obiettivo dei 4 milioni di euro ricavati dalle sanzioni per l’anno appena concluso.

I dati sulle multe sono influenzati dall’aumento delle strisce blu e dei relativi controlli di Asm che ha in gestione i parcheggi a pagamento. Sono circa 40mila le sanzioni per divieto di sosta. Poi ci sono i cinque varchi in più rispetto all’anno scorso per controllare gli accessi al centro storico, 5mila le sanzioni per questa voce. Raddoppiate le auto sequestrate (162 contro le 72 del 2010) e così anche le sanzioni per automobilisti senza assicurazione (153 rispetto a 72). «Nel 2011 è stata ampliata la zona a sosta regolamentata e gli ausiliari di Asm hanno aumentato i controlli – spiega il comandante dei vigili, Gianluca Giurato – per questo sono aumentate le sanzioni legate alla sosta». Erano state 30.751 nel 2010, sono diventate 50.857 nel 2011. Qualche dettaglio. Tra queste ci sono le multe per chi ha parcheggiato sulle strisce riservate ai disabili (453), quelle per chi era in una zona di carico e scarico (606). Sono 507 gli automobilisti multati perché avevano parcheggiato sulle strisce degli autobus e sono 101 (la metà del 2010) quelli che erano sopra una pista ciclabile. «Le sanzioni sono aumentate perché sono aumentati i controlli – sottolinea l’assessore alla sicurezza Marco Galandra – ma non vogliamo solo fare multe, non vogliamo fare cassa. Ci interessa il controllo del territorio. Se l’anno prossimo saremo costretti a sacrificare qualche multa per fare più controlli sul campo ben venga».

Le multe per chi ha attraversato uno dei varchi della Zona a traffico limitato sono state quasi 26mila nel 2011 (25.947) mentre nel 2010 erano stata 22.034. Ci sono anche le sanzioni per «condotte pericolose»: 18 guidavano senza patente, 187 sono stati beccati senza cinture (meno del 2010), 8 senza casco e 127 guidavano parlando al telefono. E la velocità? «Le multe sono diminuite – dice il comandante Giurato – nonostante l’aumento dei controlli». Il motivo? I pavesi sono diventati più attenti? «A mio parere no – spiega Giurato – il problema è il metodo di rilevamento delle infrazioni. Noi dobbiamo avvisare prima della presenza dell’autovelox, quindi la gente rallenta quando ci vede e poi riprende a correre». Totale dell’incasso: 4 milioni e 300mila euro. Solo per il codice della strada.

Fonte: laprovinciapavese.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *