Questo articolo è stato letto 3 volte

Falso ideologico e abuso d’ufficio dell’agente di PM che abbia ritenuto sussistente una violazione per divieto di sosta in un luogo ove non esiste la necessaria segnaletica – deve essere valutato l’elemento soggettivo ma tale valutazione non spetta al GUP. La sentenza della Cassazione

falso-ideologico-e-abuso-dufficio-dellagente-di-pm-che-abbia-ritenuto-sussistente-una-violazione-per-divieto-di-sosta-in-un-luogo-ove-non-esiste-la-necessaria-segnaletica-deve-essere-valutato-lel.JPG

Cassazione sez. VI Penale, 23/11/2011 n. 43302

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *