Questo articolo è stato letto 0 volte

Recuperi l’auto dopo la nevicata? Occhio alla mega multa

Disavventura per una coppia di romani che aveva lasciato la macchina per ore sul Gra: andati per recuperarla, si sono visti appioppare una super multa

Quando la sfortuna si accanisce, non ti dà tregua: lo ha imparato sulla propria pelle una coppia di romani. Sentite che cosa gli è successo. Nella notte di venerdì 3 febbraio, una fitta nevicata sorprende i due fidanzati sul Grande raccordo anulare, col risultato che restano intrappolati in automobile. La lasciano a bordo strada, sommersa dalla neve, e fanno mestamente ritorno a casa a piedi. Tre giorni dopo, vanno per recuperare la macchina, ed ecco la sorpresa: la Polizia presenta loro il conto di quasi 500 euro, ossia una multa di 398 euro, più 100 euro di rimozione. Vediamo perché.

LA LEGGE È CHIARA – La Polizia ha applicato l’articolo 176 del Codice della strada: “Sulle carreggiate, sulle rampe e sugli svincoli è vietato sostare o solo fermarsi, fuorché in situazioni d’emergenza dovute a malessere degli occupanti del veicolo o ad inefficienza del veicolomedesimo”. E fin qui, la coppia è in regola: problemi all’auto. “In tali casi, il veicolo deve essere portato nel più breve tempo possibile sulla corsia per la sosta di emergenza o, mancando questa, sulla prima piazzola nel senso di marcia, evitando comunque qualsiasi ingombro delle corsie di scorrimento”. Cosa che la coppia ha fatto. Ma ecco il guaio: “La sosta d’emergenza non deve eccedere il tempo strettamente necessario per superare l’emergenza stessa e non deve, comunque, protrarsi oltre le 3 ore. Decorso tale termine il veicolo può essere rimosso coattivamente e si applicano le disposizioni di cui all’articolo 175, comma 10″. Cioè la multa più la rimozione forzata. Chi mai, per il maltempo, dovesse trovarsi costretto ad abbandonare la macchina in autostrada (quale è il Gra), sappia a che conseguenze potrebbe andare incontro.

POTEVANO LASCIAR CORRERE – Per sdrammatizzare, se proprio si vuole fare i pignoli, siccome l’infrazione è stata commessa di notte, la multa andava aumentata di un terzo. Insomma,il vero totale sfondava quota 600 euro. Ma al di là di quel pizzico d’ironia con cui vanno trattati questi argomenti, a nostro giudizio la Polizia forse poteva chiudere un occhio e non comminare l’ammenda: una fitta nevicata è pur sempre un evento raro, che coglie impreparati, e crea notevoli disagi a chi va in auto. C’è anche da dire che 3 giorni sono troppi e che il GRA era stato già liberato dagli uomini dell’Anas già circa 36 ore dopo. Quindi il tempo per recuperare l’auto in tutta sicurezza, in realtà, c’era.

RICORSO? – Comunque, ora il proprietario del mezzo potrebbe anche decidere di opporsi alla multa rivolgendosi al Giudice di pace di Roma, e basando il ricorso sullo stato di necessità: è stato costretto ad abbandonare la macchina sul Grande raccordo anulare, a causa dell’abbondante nevicata. E il recupero è avvenuto appena possibile. Il Giudice gli crederà?

Fonte: www.sicurauto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *