Questo articolo è stato letto 0 volte

Savona – Ausiliari della sosta, è già caos

ausiliari_sosta

Doveva essere la rivoluzione della sosta del centro, per ora è soprattutto un caos e un equivoco dopo l’altro. Prima il giallo sui bollini per residenti, poi l’incertezza sui nuovi stalli blu dei parcometri, poi la rabbia degli abitanti del “quadrilatero”, adesso “dulcis in fundo” pure il mistero sugli ausiliari del traffico.

 

Già, mistero perché neppure ieri che la giunta Berruti ha varato la delibera per farli nascere è ancora chiaro quanti saranno, chi saranno e soprattutto cosa faranno. Il paradosso è che sentendo Ata, l’assessore al traffico e poi leggendo la delibera della giunta ispirata dalComando vigili, emergono quasi tre figure differenti.

 

Per l’Ata gli ausiliari saranno «4 o 5 dipendenti di Ata che verranno sdoppiati dalle attuali mansioni per potersi anche occupare di multe sulle auto non in regola con i pagamenti dei parcometri». Quindi per Ata si occuperanno solo della sosta a pagamento nei parcometri lasciando ai vigili tutto il resto, doppie file e altre irregolarità del traffico.

 

Peccato però che per l’assessore al traffico Paolo Apicella, che ieri mattina ha fatto una conferenza stampa per illustrare la novità, in realtà «gli ausiliari si occuperanno solo dell’area compresa tra il quadrilatero di via Manzoni, via Paleocapa, corso Mazzini e via XX Settembre», quindi non solo di strade con parcometri. E sempre per l’assessore: «Per quanto attiene le competenze si occuperanno soprattutto di doppie file, mancato rispetto del codice della strada, sosta sui marciapiedi e sulle strisce pedonali, e inoltre faranno verifiche sui parcometri eliminando così il sistema dei bigliettini gialli che è rimasto in voga finora». Quindi per Apicella avranno un ruolo ben diverso rispetto a quello ipotizzato da Ata: non tanto sui parcometri ma “soprattutto” sulle doppie file che invece, per l’Ata, dovrebbero restare di esclusiva competenza dei vigili. E tra l’altro è singolare che sempre per l’assessore questi ausiliari non siano da selezionare necessariamente tra i dipendenti di Ata ma eventualmente dal “corpo ispettivo di Acts”, ovvero l’azienda trasporti dei bus che oggi si chiama Tpl.

 

Un caos, insomma, che poi in serata lo stesso Apicella ha chiarito così: «Ci siamo capiti male, l’equivoco è legato alla normativa – ha detto – le mansioni che ho citato io sono quelle che riguardano l’utilizzo generale di ausiliari del traffico prescelti eventualmente tra i dipendenti comunali, che per legge avrebbero campo libero su tutto il territorio comunale. Ma visto che noi li prenderemo da personale Ata, va da se che si potranno occupare solo di ciò che gestisce Ata, quindi di stalli blu. Tutto il resto resterà in capo ai vigili che in via Paleocapa e nelle altre strade senza parcometri saranno gli unici autorizzati a fare multe».

 

Nella delibera approvata dalla giunta si chiarisce infine che i nuovi ausiliari verranno nominati attraverso un provvedimento sindacale, formati da un corso organizzato del Comando vigili della durata di 30 ore, rivestiranno le funzioni di “pubblico ufficiale” e saranno a disposizione del comandante Igor Aloi che ne curerà l’impiego. Ed i loro verbali saranno consegnati sempre all’ufficio verbali dei vigili alla fine di ogni turno.

 

Fonte: www.ilsecoloxix.it

Fonte:

One thought on “Savona – Ausiliari della sosta, è già caos

  1. Gli ausiliari della sosta: che bella invenzione all’Italiana. Ma come si fa a dare in pasto ad incivili e inferociti automobilisti ( chissa quanti LEi non sa chi sono io) ci sono in giro. Quei poveracci senza tutele e sguinzagliati a trovare la “ruota fuori posto” Il cittadino medio, l’automobilista va educato sin da bambino e a quelli maturi bisogna far capire che se si sbaglia, si paga e si deve accettare il ruolo degli operatori della sicurezza che pure si devono comportare professionalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *