Questo articolo è stato letto 2 volte

Reggio Emilia – La polizia municipale sbotta: ‘Vogliamo la riforma’

polizia_municipale

Gli 86 agenti reggiani hanno inviato una lettera a Delrio affinche, da presidente Anci, medi con le autorità nazionali.

 

Una riforma attesa da tanto tempo, fortemente voluta e che i recenti fatti di cronaca – non ultimo l’assassinio dell’agente di polizia locale milanese, investito da un suv a inizio gennaio 2012 – hanno solo accelerato. Per questo motivo gli 86 operatori di polizia municipale reggiani hanno firmato una lettera destinata al primo cittadino, nonché presidente Anci, Graziano Delrio per chiedergli di contattare quanto prima presidente del Consiglio e ministro dell’Interno e sbloccare l’iter per la riforma della polizia locale.

 

“I fatti verificatesi di recente – si legge in un comunicato del Sulppm, il Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Municipale – hanno portato alla ribalta ancor di più il ruolo della polizia locale e l’esigenza di un sistema integrato di sicurezza urbana con la necessità di coordinare le forze dell’ordine presenti sul territorio”. A questo riguardo il sindacato ha già organizzato una manifestazione lo scorso 9 febbraio in piazza Montecitorio e replicherà giovedì prossimo davanti al parlamento.

 

“Da troppi anni ormai – si conclude la nota – non siamo considerati nè carne nè pesce o forse solo carne da macello… La polizia locale italiana ha necessità di trovare una propria identità e non di essere usata come tappabuchi dal prefetto o dal questore di turno. E’ ormai necessaria, anzi indispensabile, una riforma della in tempi brevi che chiarisca, senza ombra di dubbio, se lo stato ci considera una forza di polizia a tutti gli effetti (e quindi con oneri e onori) o semplici impiegati comunali (in tal caso ridiamo indietro le armi e torniamo a fare solo servizi di viabilità senza turni serali, notturni o quant’altro non di competenza del ‘vecchio’ vigile urbano)”.

 

Fonte: www.reggionline.com

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *