Questo articolo è stato letto 0 volte

Sicurezza stradale, sette caschi su dieci non superano il test di sicurezza

Gli incidenti stradali sono tra le principali cause di morte in Europa. In Italia, nel 2010, su 394.684 veicoli coinvolti in sinistri, ben il 18,8 per cento sono stati moto e ciclomotori. La sicurezza in questo campo, quindi, dovrebbe essere una priorità. Pare, invece, che non sia proprio così. Almeno secondo quanto rivela un’inchiesta di Altroconsumo.

Secondo la ricerca, infatti, ben sette caschi su dieci non hanno superato il test di sicurezza in quanto non rispettano le norme contenute nel Regolamento internazionale ECE R22 -05. Ad essere analizzati sono stati i caschi integrali di diverse fasce di prezzo, da 85 a 460 euro. Le prove eseguite sono state quelle di conformità, quindi di impatto, resistenza del cinturino e del sistema di ritenuta, sicurezza meccanica e ottica delle visiere, più alcuni test sull’assorbimento degli urti in punti diversi da quelli previsti dalle prove standard.

Il risultato del test non è certo confortante. Solo tre caschi su dieci superano tutte le prove. Ciò a dimostrare che produrre caschi sicuri è una cosa possibile. Sulla base di questa indagine, Altroconsumo ha segnalato ai produttori e al Ministero dei Trasporti i caschi che non hanno superato le prove, auspicando un maggior numero di controlli sui caschi in commercio e un’adeguamento del testo, ora insufficiente, del Regolamento sulle norme per le prove di sicurezza.

Fonte: attualita.tuttogratis.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *