Questo articolo è stato letto 9 volte

Cittadella – Vigili urbani di ronda la notte e la domenica senza essere pagati

vigili_urbani_traffico

Scatta la protesta dei 50 agenti del distretto cittadellese. «Otto mesi senza vedere un soldo, diffidati gli 8 Comuni»

 

«I Comuni si fanno belli con i vigili sul territorio, anche di notte, ma non pagano questo lavoro straordinario». È duro l’attacco Fp-Cgil nei confronti del Distretto di polizia locale PD1A condiviso da 8 Comuni (Fontaniva, Gazzo, Grantorto, San Giorgio in Bosco, San Martino di Lupari, Carmignano, Galliera e Cittadella). Cittadella è capofila e coordina la cinquantina di vigili.

 

Un progetto sostenuto da «un cospicuo finanziamento regionale – circa 140 mila euro – e il concorso di risorse dei singoli enti», puntualizza Salvatore Livorno (Cgil). L’obiettivo? Garantire i vigili in strada, anche nei fine settimana e in orario serale. «Un progetto ampiamente pubblicizzato, poiché dà, ovviamente, lustro e visibilità. C’è un però: sin da dicembre – osserva Livorno – abbiamo diffidato gli enti interessati, a partire da quello capofila, dal proseguire nel progetto per un «piccolo», si fa per dire, problema: la difficoltà, stante il blocco delle retribuzioni, per alcuni Comuni, di pagare i lavoratori per il lavoro svolto».

 

I soldi ci sarebbero ma non possono essere erogati: «Da mesi sollecitiamo chiarimenti ai Comuni – insiste il sindacato – a partire da quello di Cittadella, ma sino ad ora abbiamo ricevuto solo “auspici e risposte ondivaghe”. Insomma a questo punto diciamo basta. Capiamo “l’utilità”, magari anche in termini “pubblicitari” di queste iniziative per gli enti, ma le norme poste in essere dal precedente Governo e mantenute da quello attuale hanno penalizzato il pubblico impiego in maniera devastante, tanto da impedire il pagamento dei lavoratori. Non vale la giustificazione del “patto di stabilità”. Si sa che esiste un problema, e allora non si può chiedere un lavoro extra ai vigili se poi si sa bene di non poterli pagare». Il maggiore Antonio Paolocci, a capo del distretto, spiega che «ogni Comune risponde della propria posizione, siamo un distretto, non una Unione di Comuni. Effettivamente alcuni Comuni hanno difficoltà a liquidare a causa del patto di stabilità, ma il contributo regionale è nelle loro casse. Cittadella è in regola coi pagamenti. Il vincolo di stabilità è arrivato a progetto già approvato, anche dalle parti sociali».

 

Fonte: mattinopadova.gelocal.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *