Questo articolo è stato letto 2 volte

La Spezia – Morsi e pugni ai Vigili, arrestato un ragazzo

agenti_piazza

Preso dal delirio di alcol e droga un ventiseienne semina il panico in piazzale Kennedy e aggredisce tre agenti della Municipale

 

Sono da poco passate le 10.30, l’area giochi di Piazzale Kennedy è scaldata dal sole. Genitori e bambini provano a godersi una mattinata tranquilla tra i giochi e le vetrine dei negozi, quando accade il peggio.
Un uomo, un sudanese di 26 anni, ubriaco e sotto effetto di droghe, semina il panico per la piazza fino ad aggredire tre agenti della Polizia municipale.
Tutto comincia quando i genitori dei piccoli hanno deciso di allertare gli agenti temendo che quella figura barcollante potesse commettere qualche atto inconsulto.
In breve tempo, sul posto sono intervenuti tre vigili urbani che hanno provato a bloccare il ragazzo e ad identificarlo, senza successo. Il giovane ha posto resistenza con estrema violenza, cominciando a gridare.
Nella collutazione il ventiseienne ha aggredito gli agenti, scatenando il fuggi fuggi generale dei presenti.
Nella piazza ormai deserta, i vigili urbani sono stati raggiunti dai rinforzi giunti a sirene spiegate dal comando di Via Lamarmora e sostenuti anche dal carabiniere di quartiere. Nonostante i pugni i calci e, pare, addirittura qualche morso gli agenti sono riusciti a placcare il giovane che come una furia continuava a dimenarsi per sfuggire alle forze dell’ordine.

 

L’uomo poi è stato immobilizzato definitivamente e portato in questura dove è stato possibile identificarlo tramite i rilevamenti dattiloscopici. Anche se ormai era bloccato e senza via di scampo, il ventiseienne continuava a mostrare segni di resistenza. Ora si trova in cella di sicurezza, è accusato di resistenza e lesioni ed avrebbe già precedenti per reati contro la persona. I tre agenti che ha aggredito hanno riportato ecchimosi e contusioni varie. Le loro ferite sono state giudicate guaribili in sette giorni.

 

Fonte: www.cittadellaspezia.com

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *