Questo articolo è stato letto 1 volte

Roma, vigili urbani: ecco le nuove regole anti-corruzione

vigili_traffico

Un protocollo che prevede la semplificazione delle regole «per impedire intermediazioni confuse e magari illegali» e uno sportello a cui commercianti e artigiani possano denunciare eventuali abusi.

 

Questo il proposito emerso dal vertice sul presunto racket di licenze che si è riunito in Prefettura di Roma con il sindaco Gianni Alemanno, il comandante della polizia municipale Angelo Giuliani e le associazioni di commercianti.

 

Al termine della riunione a cui hanno preso parte anche diversi rappresentanti delle forze dell’ordine, il sindaco Alemanno ha spiegato: “abbiamo deciso con il prefetto di scrivere un protocollo basato su tre punti: la semplificazione delle regole, in cui coinvolgere anche la Regione e i municipi, per avere poche regole certe che impediscano intermediazioni confuse e magari illegali; creare uno sportello al quale commercianti, artigiani e associazioni possano rivolgersi per denunciare qualsiasi genere di abuso; fare in modo che alle attività di intermediazione abbiano accesso solo persone autorizzate secondo la legge e che non ci siano ‘praticoni’ o altri che si mettano in mezzo”.

 

Fonte: roma.ogginotizie.it

Fonte:

3 thoughts on “Roma, vigili urbani: ecco le nuove regole anti-corruzione

  1. Mi vien da sorridere a leggere queste iniziative sottese ad insabbiare le vere questioni illegittime ai danni dei cittadini.
    Sapere che Alemanno e company hanno assunto la eccellentissima iniziativa di generare lo sportello per i malcapitati commercianti, è davvero una barzelletta!!!
    Per anni ho denunciato proprio ad Alemanno, Presidenti di Municipio e Comandante dei Vigili di Roma amezzo raccomandata e fax, tutte le malefatte che illegittimamente ho subito dai rappresentanti del Comune e dai vigili Urbani, tanto da costringermi a chiudere l’attività, altro che sportello del cittadino, nessuno mai si è fattos entire, nessuno mai ha teso una mano per fare chiarezza….

    L’unica certezza che mi è rimasta è quella che almeno la Magistratura sta facendo il suo corso e non mi arrenderò fin quando vedrò marcire in galera ” uomini corrotti del sistema”” che continuano a terrorizzare i cittadini onesti!
    Cosi trionfa la giustizia!!!!

  2. Mi vien da sorridere a leggere che silvestro romano abbia il coraggio di scrivere quanto sopra!
    Silvestro Romano, titolare del bar “Turi & Tano in Via Lazio 17,è divenuto personaggio pubblico di recente con “Vigilopoli”.
    Egli è in realtà accusato di aver divelto il palo di un posto dei disabili e cancellato col catrame le strisce per collocare i suoi tavolini. Diversi residenti e negozianti di Via Lazio dichiarano di avero visto nel luglio 2010 porre in atto tale vandalico gesto.
    Nonostante un procedimento penale a suo carico è diventato personaggio pubblico recentemente. A quanto dicono i giornali avrebbe dichiarato, nell’ambito dell’inchiesta “Vigilopoli”, di essere stato vessato da vigili ed agenti con ripetuti controlli, omettendo però di specificare che vigili ed agenti eseguissero ordini precisi dei giudici penali che hanno disposto il sequestro dei tavolini, “corpo del reato”, dopo la misteriosa sparizione del palo del posto dei disabili e delle strisce.
    Questo Sig. Silvestro Romano, sempre a quanto dicono i giornali, avrebbe anche raccontato di avere una sentenza del Consiglio di Stato che lo legittimerebbe ad occupare il suolo pubblico, sentenza che nemmeno esiste!!
    Sarebbe lodevole che i quotidiani chiarissero questa vicenda invece che abbandonarla dopo essersi resi conto di aver preso un colossale granchio!

  3. Vorrei ricordare a questi insigni luminari, che carta canta.
    Ad oggi 3 tra vigili urbani e dipendenti comunali sono stati arrestati per corruzione e abuso… vorrei ricordare sempre agli insigni dotti che ultimamente 112 vigili urbani DEL Comune di Roma sono stati prosciolti per prescrizione da una inchiesta per corruzione ed abuso di ufficio, la cosa ripugnante e schifosa è, che alcuni di questi hanno continuato la loro carriera “onesta e illibata”, tant’è che oggi sono coinvolti in altra inchiesta per corruzione oggetto anche delle mie denunce..
    Infine vorrei ricordare sempre a tano e ai suoi simili fratelli che sono dei veri bastardi e infami…
    Ritengo fino alla prova contraria (e non alle vostre bastarde calunnie e infamie) che sono semnpre stato un cittadino onesto…
    I verbali non sono stai a me contestati per ordine di nessun Magistrato ma per ordine di chi evidentemente non ha avuto da me mazzette !!!!!
    Fatti oggetto di denuncia penale…
    Continuate pure, solo questo sapete fare, nascondervi dietro gli alias e bastardate che fate!!!!!
    Infine vi ricordo che sull’asserito procedimento penale a mio carico non ci crede neanche il P.M titolare che a distanza di quasi tre anni dal fatto, non si è degnato neanche di richiedere il rinvio a giudizio. Evidentemente sicuro che le sue accuse non troverebbero alcun riscontro probatorio in sede dibattimentale o forse perchè nel corso del dibattimento salterebbe fuori che egli stesso è indagato per gli stessi fatti dalla PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI PERUGIA. E INFINE LA CIRCOSTANZA CHE A QUASI DUE ANNI DALLA CHIUSURA DEL LOCALE SI CONTINUI A PARLARE DEL SOTTOSCRITTO NON FA CHE RAFFORZARE LE MIE DICHIARAZIONI RESE AI PUBBLICI MINISTERI TITOLARI DELL’INCHIESTA VIGILOPOLI. E COME DISSE UN VERO ILLUMINISTA: CHE SE NE PARLI BENE O MALE, PURCHE’ SE NE PARLI.
    GRAZIE PER IL SUPPORTO FATTIVO CHE STATE DANDO ALLE MIE DICHIARAZIONI.
    DR. SILVESTRO ROMANO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *