Questo articolo è stato letto 0 volte

Chioggia – Incidenti sotto quota 300. I vigili: «Più prevenzione»

Storico risultato in città e aumento della sicurezza stradale nel corso del 2011 Nella nuova sede di Brondolo anche la sala operativa unica delle emergenze

Oltre 220mila chilometri percorsi solo dalle pattuglie del servizio viabilità-traffico, 52mila veicoli controllati, 20.415 verbali per violazioni al codice della strada (il 35% accertate dagli ausiliari del traffico) per un totale di un milione di euro di sanzioni. Sono questi i “grandi numeri” che delineano l’attività svolta nel corso del 2011 dalla polizia locale di Chioggia. Un’attività, sottolinea il suo comandante Michele Tiozzo: «di impronta soprattutto preventiva: non ci vantiamo di aver fatto più multe (140mila euro in più del 2010), ma questi sono gli indici del nostro lavoro».

E i risultati, in termini di maggiore sicurezza, non sono mancati, dato che, per la prima volta in dieci anni, il numero dei sinistri rilevati dalla Polizia locale è sceso sotto quota 300: per la precisione 294 rispetto ai 330 del 2010 e alla media di 360,4 degli ultimi cinque anni. La maggior parte dei sinistri (53, erano 66 nel 2010) sono avvenuti sulla Romea ma se, statisticamente parlando, si può dire che questo dato andrebbe integrato con le rilevazioni delle altre forze dell’ordine (carabinieri, stradale, ecc.), anche sulle strade urbane, di competenza quasi esclusiva della polizia locale, c’è stata una diminuzione generalizzata, tanto da poter dire che, negli ultimi cinque anni, su queste strade, ci sono stati cento incidenti in meno (94 per la precisione). E questo dipende dai numerosi interventi di miglioramento della viabilità (rotonde, passaggi pedonali rialzati, illuminazione, ecc.) e di controllo preventivo, attuati in concerto col settore lavori pubblici. Certo si può ancora migliorare e, in prospettiva, l’amministrazione punta a una riorganizzazione logistica del servizio.

«Il comando della polizia locale – spiega il sindaco, Giuseppe Casson – sarà portato nella ex sede Asp di Brondolo, dove avrà a disposizione 950 metri quadri (rispetto ai 350 complessivi delle due sedi attuali) che permetteranno di ottenere, ad esempio, spazi più dignitosi per il personale (con docce e spogliatoi), una grande sala operativa (un centinaio di metri quadri), che servirà anche alla Protezione civile per la quale si andrà a creare un maggiore coordinamento con la stessa polizia locale. Inoltre qui troveranno posto i veicoli che potranno raggiungere più facilmente le spiagge, la Romea e non soffriranno i problemi di intasamento del centro storico (mercato, ecc.) e anche i cittadini non avranno problemi di parcheggio».

In previsione anche l’istituzione di un “numero unico per le emergenze” in città che servirebbe a coordinare gli interventi di vigili, protezione civile, lavori pubblici e Sst.

Fonte: nuovavenezia.gelocal.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *