Questo articolo è stato letto 53 volte

Battipaglia – Vigilessa subisce mobbing. Il Comune condannato

vigilesse

Una sentenza che farà storia. L’accusa, ritenuta dal giudice del lavoro fondata, era di mobbing e tra i condannati al risarcimento dei danni spicca il Comune di Battipaglia, oltre che il «molestatore».

 

I fatti risalgono al 2004 quando entra in servizio nel settore viabilità del comando di Polizia Municipale, una giovane agente S.G, oggi 37enne. La donna presta servizio prevalentemente al traffico ma, nello svolgere il suo lavoro, diventa oggetto delle «attenzioni ricorrenti» di un suo superiore F.M. che, però, è in servizio al N.E.A. altro settore della Polizia Municipale. I due, in teoria, avrebbero ben poche occasioni di incontrarsi, se non fosse che F.M. fa continui appostamenti per controllare la giovane agente.

 

La sua auto di servizio è sempre nei pressi quando S.G. è al lavoro e alla scomoda presenza ben presto si aggiungono minacce, offese e continui rapporti su presunte negligenze della vigilessa. S.G. prova a controbattere alle accuse, a riferire quanto accade ai superiori, ad informare, oltre che il comandante della Polizia Municipale, anche il Comune. In più di un caso si trovano presenti agli episodi di persecuzione persino alcuni consiglieri comunali. S.G., sempre più stressata da quanto accade e visto che nessuno dei superiori interviene in suo favore, finisce più volte in ospedale per attacchi di ansia e di panico. Le sue condizioni di salute divengono precarie e ne compromettono seriamente anche la vita privata e familiare. A questo punto, e siamo ormai nel 2005, S.G. decide di ricorrere al tribunale assistita dall’avvocato Paola Contursi.

 

La causa durerà a lungo, anche perché il Comune, convocato in giudizio insieme a F.M e all’ex comandante dei Vigili Urbani, decide di resistere, ma qualche giorno fa finalmente la sentenza. Il giudice del Lavoro Lia Di Benedetto condanna per mobbing tutti e tre i convenuti, nonostante nel corso del procedimento molti testimoni, per timore di subire a loro volta ripercussioni sul posto di lavoro, abbiano minimizzato l’accaduto.

 

La condanna obbliga tutti i colpevoli a risarcire i danni morali, materiali e biologici subiti da S.G., quantificandoli in 40mila euro. Una vittoria che stabilisce un precedente, definendo i confini di un reato ancora poco conosciuto e troppo spesso sottovalutato soprattutto nel meridione dove, in molti casi, regna l’omertà. Ma nessuno potrà restituire la serenità perduta alla vittima.

 

Fonte: www.positanonews.it

Fonte:

2 thoughts on “Battipaglia – Vigilessa subisce mobbing. Il Comune condannato

  1. finalmente…..io vorrei sapere una cosa dal comandante: ma il signore(non si può chiamare collega) che controllava la collega il lavoro suo quando lo svolgeva visto che era così impegnato a svolgere cose che non gli competevano? Io lo denuncerei per omissione d’atti d’ufficio!!!!!!! brava collega e su con la vita…..i superiori non sono tutti uguali!!!!!!!

  2. identico e preciso a quanto hanno subito gli operatori della P:M di napoli negli ultimi 4 anni,ma con la differenza che i superiori nel caso specifico,sono tutti sindacalisti di una famosa sigla sindacale,che per la sua storia personale ha nel dna la difesa dei piu’ deboli.Il tutto con la complicità della giunta “rivoluzionaria”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *