Questo articolo è stato letto 1 volte

Rimini – Falsari di documenti sempre più furbi, la Municipale corre ai ripari

Per fronteggiare il problema un nucleo d’agenti del Corpo di Polizia municipale nei mesi scorsi ha frequentato corsi specifici in materia.

Ennesima denuncia, lunedì scorso alla rotatoria delle Befane, da parte del personale della Polizia municipale di Rimini ad un conducente che aveva esibito una patente di guida contraffatta, poi denunciato anche per guida senza patente. Questa volta nella rete un conducente di nazionalità nigeriana, al quale è stata anche posta sotto sequestro l’autovettura. Sono già sette le persone, dall’inizio dell’anno, fermate dagli agenti con documenti di guida falsi.
Dall’inizio di quest’anno la Polizia Municipale di Rimini ha infatti intensificato i controlli sul fenomeno, in particolar modo da parte di soggetti provenienti dal nord Africa e dall’est europeo. Per fronteggiare il problema un nucleo d’agenti del Corpo di Polizia municipale nei mesi scorsi ha frequentato corsi specifici in materia e successivamente dotato di strumentazioni idonee e sempre più sofisticate per intervenire anche durante i controlli su strada.

I falsari infatti si perfezionano costantemente e, vista la miriade di documenti in circolazione emessi da centinaia di paesi diversi, il contrasto alla falsificazione dei documenti richiede impegno, preparazione e l’uso di attrezzature al passo con i tempi come ingranditori, lampade particolari, collegamenti via internet. Importante anche la collaborazione tra forze di polizia a livello internazionale.

Nel 2011 sono state 19 le persone colte alla guida con documentazione falsa, ma molte altre sono state individuate in occasioni diverse come ad esempio nel richiedere la residenza presso gli uffici anagrafe esibendo documentazioni contraffatte. Oggi su strada è possibile per una pattuglia scansionare il documento sospetto di contraffazione e inviarlo via internet all’ufficio appositamente predisposto, ove un operatore esperto può effettuare le verifiche più approfondite e in pochi minuti fornire le risposte del caso.

Fonte: www.riminitoday.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *