Questo articolo è stato letto 4 volte

Sicurezza stradale, la ‘Nuova Guida’ lancia metodo innovativo per patenti

La didattica è stata rinnovata su tre fronti: metodologia di insegnamento, strumenti e contenuti.

La Nuova Guida – primo network di autoscuole in Italia, nato tre anni fa da un’idea del gruppo Sermetra – ha messo a punto un nuovo Metodo di formazione teorico e pratico nelle autoscuole, che ha aggiornato e adeguato la didattica alle moderne abitudini di vita, ai nuovi rischi sulle strade e ai nuovi tipi di vetture in commercio.

L’obiettivo è quello di dare a chi si accinge a prendere la patente, una preparazione completa per una guida responsabile, e non solo finalizzata al superamento dell’esame. Il nuovo Metodo è stato messo a punto da un team di professionisti storici del settore, che hanno iniziato più di un anno fa un lavoro di ricerca e sviluppo, dedicandosi a studi, confronti e test sul campo, riferendosi anche alle migliori esperienze internazionali.

E’ stata coinvolta la softwarehouse interna al Gruppo, che ha sviluppato un programma per la formazione in aula e i quiz a casa.

La didattica è stata rinnovata su tre fronti: metodologia di insegnamento, strumenti e contenuti. Pilastri del nostro nuovo Metodo sono l’interattività in aula, l’apprendimento progressivo, l’uso delle tecnologie informatiche, le verifiche costanti sulla preparazione degli allievi grazie a delle schede personali, e programmi didattici mirati a dare una formazione completa agli alunni lavorando sulle lacune specifiche di ognuno.

Luca Andreoli, amministratore delegato de La Nuova Guida, spiega: “Educare e abilitare sono due attività differenti, a volte coincidono. Educare i principianti significa non solo insegnare loro a saper controllare il veicolo o imparare articoli del Codice della Strada, ma metterli in grado di valutare i rischi della circolazione stradale e renderli consapevoli delle proprie abilità e dei propri limiti. L’incidentalità stradale è in larghissima parte legata al comportamento dell’automobilista. Per questi motivi siamo convinti che le autoscuole siano un pilastro fondamentale dell’educazione stradale”.

Fonte: www.adnkronos.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *