Questo articolo è stato letto 2 volte

Salerno – De Luca contro i «cafoni»: multe salate a chi stende i panni, dà cibo agli animali fa rumore, sporca o va a prostitute

Giro di vite del Comune per fare cassa e limitare i danni dei «cafoni»: in arrivo le nuove sanzioni amministrative dai 100 euro in su. Nel giro di qualche settimana, dopo gli approfondimenti e i necessari emendamenti da parte delle commissioni consiliari competenti, il consiglio comunale di Salerno approverà il nuovo regolamento della Polizia municipale (che per l’occasione muterà anche nome, assumendo la denominazione di Polizia Urbana).Il regolamento si suddividerà in tre filoni principali: la sicurezza urbana, l’igiene pubblica e la pubblica incolumità, le attività produttive ed infine gli animali d’affezione. Ieri pomeriggio si è tenuta la riunione della Commissione Bilancio, presieduta da Nino Criscuolo.

All’ordine del giorno la visione della bozza del nuovo regolamento che disciplina le attività dei vigili urbani sia per quanto riguarda le azioni dei privati cittadini, sia per quanto attiene alle attività imprenditoriali. Si ridisegna il sistema sanzionatorio amministrativo previsto dal precedente strumento normativo, adeguandolo con una serie di nuove fattispecie di abusi e attività non lecite, che comporteranno sanzioni anche pesanti, dai 100 euro a salire. Capitolo sicurezza, igiene e incolumità. Tempi durissimi per i condomini «fracassoni e sporcaccioni», al centro di un’autentica azione di repressione per tutta una serie di attività ritenute fuori legge. Saranno infatti multati con la sanzione da 100 euro i conduttori di appartamenti dove radio e tv saranno accese ad alto volume, così come nei casi di lavori di ristrutturazione molto rumorosi. 

Novità assoluta è la multa da 100 euro per chi suona la chitarra o il pianoforte in orari non consentiti (dalle 14 alle 16 e dalle 22 alle 7). Contravvenzioni salate da 100 euro anche per chi stende i panni appena lavati con conseguente gocciolamento in strada, chi annaffia i gerani sui balconi o chi lava l’auto, la moto o il cane vicino a qualche fontanino pubblico.Passando in strada, saranno multate anche le tradizionali «gattare», le signore che lasciano il cibo per i gatti randagi, e chi offre granturco o pane ai piccioni. 100 euro di multa anche per chi urina sui muri. Per l’accattonaggio confermata l’ammenda da 250 euro (specie per chi molesta i cittadini nei pressi di incroci o parcheggi), così come resta invariata la maxi multa da 500 euro per le prestazioni sessuali offerte dalle «lucciole». 

Altra novità in arrivo è la multa per i girovaghi e gli artisti di strada, che saranno multati con 250 euro di sanzione per occupazione di suolo pubblico. Eguale sanzione resta confermata per i parcheggiatori abusivi e per i lavavetri (questi ultimi ormai quasi del tutto scomparsi dal territorio urbano). Per quanto riguarda i rifiuti, chi sbaglia a conferire il sacchetto della spazzatura andrà incontro alla multa (100 euro alla prima sanzione, 150 alla seconda e 200 per la terza), mentre 500 euro sono inflitti a chi non è residente in città. Multe pesanti anche per i commercianti che conferiscono i cartoni in modo non corretto (250 euro), la stessa multa anche per i proprietari di suoli privati dove sono abbandonati rifiuti o materiali di risulta. 100 euro per i writers (250 se colti in flagranza di reato) e anche per chi coglie fiori dalle pubbliche aiuole.Per quanto attiene le attività produttive spicca la sanzione accessoria della sospensione immediata dell’attività in caso di abuso (ad esempio musica ad alto volume). Molta attenzione infine per gli animali. 250 euro per la mancata rimozione delle deiezioni canine, per chi porta il cane senza museruola, per chi non porta con sè il necessario per rimuovere gli escrementi ed anche per chi lo trascina di corsa al guinzaglio con l’auto o la moto. Si arriva a 100 euro per chi molesta un animale mentre l’abbandono è punito con una multa da 250 euro. 

Fonte: www.ilmattino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *