Questo articolo è stato letto 0 volte

Bologna, maestra-modella denuncia i vigili. ‘Mi hanno filmata all’asilo con i bimbi’

agenti_macchina

La donna presenta un esposto per violazione della sua privacy e di quella dei bimbi alla Procura che apre un’indagine conoscitiva.

 

Michela Roth, la maestra d’asilo contestata dai genitori per il suo secondo lavoro di modella, ha denunciato di essere stata filmata da vigili urbani in borghese. La Procura di Bologna ha aperto un’inchiesta conoscitiva. La 38enne di origini americane, martedì, mentre era con i bambini nel cortile dell’asilo dove lavora a Castello di Serravalle, si era accorta che da una finestra di un palazzo di fronte due persone la stavano riprendendo.

 

Così, la donna ha prima chiamato i Carabinieri, poi ha presentato un esposto alla sezione di Polizia di stato della Procura, spiegando che i militari avevano verificato che si trattava di due agenti della municipale in borghese.

 

Secondo l’esposto della maestra, sarebbe stata violata la sua privacy e quella dei bambini. Mentre il comandante della Polizia Municipale di Castello di Serravalle ha spiegato che i vigili erano lì per fare accertamenti di tipo amministrativo sulla scuola.

 

Michela Roth era diventata famosa per aver vinto la fascia provinciale e regionale di Miss Mamma Italiana e aver partecipato ad altri concorsi di bellezza su Internet. Questa sua seconda attività aveva indotto alcuni genitori a ritirare i figli dalla scuola in cui lavora come maestra.

 

“Per me – aveva spiegato a metà marzo, nei giorni ‘caldi’ dello scandalo – fare la modella è un secondo lavoro, e lo faccio soprattutto d’estate quando l’asilo è chiuso. Vengo ritratta sempre vestita, mai nuda. Ma adoro fare la maestra, è questo il mio obiettivo nella vita. All’asilo sono con la mia divisa da maestra, e chi mi conosce personalmente – aveva concluso – può testimoniare sulla mia professionalita’ sia da maestra che da modella”.

 

Fonte: www.tgcom24.mediaset.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *