Questo articolo è stato letto 1 volte

Crisi, la Grecia affitta poliziotti e volanti

grecia_partenone

Tagli e licenziamenti, l’autofinanziamento del Pubblico. Noleggiare un agente costa 30 euro l’ora, un elicottero 1500.

 

Poliziotti in affitto per racimolare denaro e lenire la crisi del debito pubblico. Nel corso degli ultimi due anni sono state presentate singolari iniziative per contrastare la recessione economica che affligge da quasi un lustro la Grecia. C’è chi come la Finlandia ha chiesto in garanzia, in cambio di aiuti economici, alcuni dei beni storici e artistici più celebri dell’antichità come l’Acropoli di Atene e il Partenone, mentre altri hanno invitato il paese ellenico a vendere alcune delle sue isole più belle del Mar Mediterraneo. Ma un nuovo progetto altrettanto singolare è stato promosso dalla polizia greca ed è stato approvato proprio in questi giorni dal governo nazionale: i privati o le società presenti sul territorio potranno noleggiare per le proprie esigenze di sicurezza uomini e mezzi della polizia.

 

LISTINO DEI PREZZI – La nuova legge presenta un vero e proprio listino dei prezzi. Per affittare un singolo poliziotto, la somma da pagare sarà di 30 euro all’ora, mentre chi vorrà noleggiare anche una volante, magari per un trasferimento di opere d’arte o di materiale sensibile, dovrà sborsare altri 40 euro. Coloro che hanno più possibilità economiche, e intendono affittare una guardia costiera o addirittura un elicottero, dovranno pagare rispettivamente 200 e 1500 euro. Il governo ha precisato che il servizio sarà fornito solo in circostanze particolari e che i proventi saranno usati per finanziare l’acquisto di attrezzature per la polizia e per rafforzare il bilancio dello Stato: «Forniremo questi servizi solo in casi eccezionali e solo se abbiamo le risorse e lo staff disponibili – ha dichiarato il portavoce della polizia Thanassis Kokkalakis – Faremo in modo che nessun cittadino sia privato della protezione della polizia».

 

POLEMICHE – L’annuncio dell’iniziativa ha suscitato numerose polemiche: il governo ha affermato che tutti potranno beneficiare del nuovo servizio e ha specificato che in passato queste prestazioni erano offerte gratuitamente a imprese e privati. Di diverso avviso i cittadini che dichiarano che a beneficiare di questi servizi saranno solo i greci ricchi in grado di pagare. Inoltre gran parte della popolazione, oppressa dalla crisi economica, teme che la trasformazione della polizia in una sorta di «servizio di bodyguard per ricchi» possa far aumentare i pericoli nelle strade elleniche e stimolare la formazione di nuove bande criminali. Per la polizia, invece, l’iniziativa potrebbe essere una boccata d’ossigeno. Negli ultimi mesi, come molti impiegati del settore pubblico, anche i 55 mila agenti che lavorano in Grecia, hanno subito licenziamenti e cospicui tagli salariali.

 

Fonte: www.corriere.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *