Questo articolo è stato letto 1 volte

Milano – I nuovi blitz anti-criminalità? Multe e sequestri di orecchini

agenti_sanzioni

La giunta Pisapia mostra i muscoli. Al tavolo della sicurezza una settimana fa questore e prefetto hanno lanciato l’allarma: in un anno sono raddoppiate le presenze di rom abusivi e – in contemporanea – i reati legati alla microcriminalità: scippi, furti, truffe agli anziani, assalti ai supermercati.

 

All’emergenza si aggiunge il boom di lavavetri ai semafori e venditori abusivi. Parole dei vertici della sicurezza in città. Risposta? Il Comune nei giorni scorsi ha abolito il Nucleo operativo dei vigili urbani. Soprannominati «Rambo» e accusati (da sinistra) di avere modi troppo bruschi. Li ha rimpiazzati con una task-force antiabusivismo, che non opererà più in borghese ma in divisa. L’ex vicesindaco Riccardo De Corato l’ha già definita una «farsa» perchè «di fatto avranno gli stessi compiti, ma non operando in borghese non riusciranno più a fermare un vù cumprà».
Per rispondere alle accuse di inefficienza, ieri il Comune ha presentato un bilancio delle operazioni per il controllo del territorio nei primi mesi dell’anno. «Interventi quotidiani e con tutte le forze dell’ordine» precisa l’assessore alla Sicurezza Marco Granelli. Parte dal fondo: il blitz anti-illegalità svolto con polizia e Cc tre giorni fa al Lorenteggio e Giambellino.

 

I vigili hanno partecipato con 4 pattuglie, concentrandosi «soprattutto sul controllo delle auto in transito». Paletta rossa per 132 veicoli: due auto sequestrate perchè senza assicurazione e 18 multe. Più che lotta alla criminalità, un pugno duro (per carità giusto, anche redditizio) contro chi ha infranto il Codice della strada. Nel bilancio poi «si segnalano le operazioni del Nucleo tutela trasporto pubblico». Quello – per inciso – a cui la sinistra voleva negare l’Ambrogino d’oro perchè lo accusava di caricare i clandestini su «bus-galera». Ma ora vengono portati in palmo di mano per «le 364 linee e 1.326 mezzanini del metrò controllate tra gennaio e marzo», 22 arresti per furto («erano stati 42 in tutto il 2011»), hanno multato 129 parcheggiatori abusivi. E c’è il capitolo dei sequestri di merce contraffatta: la giunta Pisapia usa la linea morbida per mantenere baraccopoli e palazzi occupati, ma solo a febbraio, ad esempio, sono stati sequestrati tra l’altro «2.033 cappelli, 233 borse, 2.923 paia di guanti» e ben «3.355 paia di orecchini». Oltre a 2 veicoli di fioristi ambulanti. Ed è «costante» il controllo del Servizio Annonaria in bar e ristoranti: nei tre mesi sequestrati oltre mille chili di cibo avariato, denunciate penalmente 30 persone e 267 per violazioni a regolamenti del settore.

 

Sono stati controllati 1.024 locali e accertate 119 violazioni sanitarie.
De Corato toglie la maschera alla giunta: «Di fronte all’ondata di critiche diffondono dati dei mesi scorsi e su operazioni svolte dai Nuclei istituiti dal centrodestra e oggetto di poderosi attacchi in passato dello stesso Granelli e l’assessore Piefrancesco Majorino, quand’era capogruppo del Pd. Ma oggi tornano utili». Nei blitz anti-criminalità invece, «prima i vigili erano coinvolti in maniera più diretta ora delegati a fermare le auto in transito». E in vena di numeri, segnala che in 24 ore ci sono state tre rapine, un accoltellamento e due furti, in negozio e appartamento. I controlli «servono a poco se poi alla criminalità di strada e predatoria si manda il messaggio che i nuclei speciali di contrasto a queste attività fuorilegge vengono sciolti e ai vigili di quartiere viene impartito l’ordine di ascoltare e monitorare i cittadini, fare da psicologo e dare multe.

 

Fonte: www.ilgiornale.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *