Questo articolo è stato letto 0 volte

Palermo: 1695 multe in sette giorni con ‘Street control’

1.695 multe da lunedì a venerdì, 339 al giorno. Sono questi i numeri della prima settimana dello “Street control“. Le multe vengono fatte con estrema facilità, mentre la pattuglia fa i suoi giri per la città, lo strumento immortala le targhe delle macchine che violano il codice della strada. All’agente basta schiacciare con un dito un pulsante. A fine turno i vigili riversano, tutte le targhe di chi ha commesso infrazione, nel “cervellone” elettronico della Sispi. Queti i dati specifici: il 64 per cento dei multati era in doppia fila, mentre gli altri hanno beccato un verbale per altre infrazioni. Le pattuglie hanno lavorato dalle 7 alle 14 e dalle 15,30 alle 20,30. Al momento gli strumenti a disposizione sono quattro. Lo Street control è già operativo a Milano, Bari e Bologna.

Il comandante della polizia municipale Serafino Di Peri assicura: “Non ci fermeremo: continueremo con i controlli giornalieri. Il nostro obiettivo non è quello di fare multe ma quello di fare in modo che uno strumento efficace come questo serva da deterrente e scoraggi i palermitani ad abbandonare l’auto dove capita“. Il servizio, momentaneamente, si concentra sugli assi viari più trafficati: da via Dante a via Sammartino, da via Emerico Amari a via Sciuti. “Ma ci allargheremo ancora“, dice Di Peri.  Per ora la polizia municipale lavora sull’effetto sorpresa, ma quando il sistema sarà a regime, i nomi delle vie nelle quali sarà attivo il servizio saranno pubblicate sul sito dei vigili urbani, come si fa con gli autovelox. “Il nostro obiettivo ripeto non è quello di fare cassa” e per far questo Palazzo delle Aquile punta molto a incrementare le proprie entrate cominciando dalle multe e dalle tasse: il Consiglio comunale ha varato il raddoppio dell’addizionale lrpef e ha introdotto l’Imu.

Fonte: www.quotidiano24.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *