Questo articolo è stato letto 46 volte

Velocipedi e guida in stato di ebbrezza

ciclista_alcol_ebbrezza

Il ciclista sorpreso a bordo della propria bicicletta in un evidente stato di alterazione psicofisica dovuto all’assunzione di bevande alcoliche risponde del reato di guida in stato di ebbrezza.

 

Lo ha affermato la Corte di Cassazione, IV sezione penale, con la sentenza 19 marzo 2012, n. 10684, ricordando, altresì, che in tali casi, poiché la violazione è stata commessa alla guida di un mezzo per il quale non è prescritta alcuna abilitazione, non può trovare applicazione la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida prevista ogni qual volta venga riscontrato un tasso alcoolemico superiore a 0,5 g/l.

 

Si riporta di seguito il testo della sentenza.

 

Cassazione, IV sezione penale, con la sentenza 19 marzo 2012, n. 10684

 

(omissis)

RITENUTO IN FATTO

(omissis) propone ricorso per cassazione avverso la sentenza del Gup del Tribunale di Milano, del 9 marzo 2011, che, su opposizione dell’imputato avverso il decreto penale di condanna in precedenza emesso, lo ha ritenuto colpevole del reato di guida in stato di ebbrezza alcolica della propria bicicletta (con a bordo anche il figlio minore dell’imputato) – tasso alcolemico rilevato pari a 2,96 e 2,59 g/l – e lo ha condannato alla pena di mesi uno, giorni quindici di arresto e 1.000,00 euro di ammenda; sostituita la pena detentiva con la corrispondente pena pecuniaria.

Deduce il ricorrente: a) eccezione d’incostituzionalità dell’art. 186 del codice della strada, con riferimento all’art. 3 della Costituzione, in relazione alla prevista applicazione della sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida per tutti i casi di conduzione di veicoli in stato di ebbrezza alcolica, senza differenziare quelli di guida di veicoli a motore e quelli di guida di un velocipede; b) vizio di motivazione della sentenza impugnata in punto di affermazione della responsabilità dell’imputato e di diniego delle circostanze attenuanti generiche.

 

CONSIDERATO IN DIRITTO

– 1 – Priva di rilievo è, nel caso di specie, la questione di costituzionalità dell’art. 186 del codice della strada, sollevata dal ricorrente con riferimento all’applicabilità, nel caso di violazione di detta norma, della sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida.

Questione riproposta, benché detta sanzione non sia stata mai applicata e malgrado il giudizio di manifesta infondatezza della stessa, già condivisibilmente espresso dal giudice del merito, e la sua evidente irrilevanza, pure segnalata dallo stesso giudice, posto che la giurisprudenza unanime di questa Corte ritiene tale sanzione non applicabile ai casi, come di specie, in cui la violazione si realizzi ponendosi alla guida di un mezzo per il quale non è prescritta alcuna abilitazione alla guida.

– 2 – Infondato è, nel merito, il ricorso.

A) In punto di responsabilità, il giudice del merito ha rilevato che l’imputato, al personale di PG intervenuto a seguito di segnalazione pervenuta al 112, era stato indicato, da un addetto alla vigilanza, come il conducente della bicicletta – sulla quale si trovava anche un bambino – che avanzava in equilibrio precario, cadendo continuamente e ponendo, quindi, in pericolo la propria incolumità, nonché quella del figlio e degli altri utenti della strada. Il giudicante ha altresì ricordato che la stessa moglie dell’imputato aveva riferito che il marito era aduso a simili comportamenti, tanto che ella aveva deciso di separarsi. Lo stesso (omissis), d’altra parte, ha ricordato ancora il giudicante, ha dichiarato in udienza che quando era intervenuto il personale di PG lui era già sceso dalla bicicletta, in tal guisa avendo implicitamente ammesso di essersi trovato alla guida del velocipede fino a pochi momenti prima, come riferito a detto personale dagli addetti alla vigilanza.

Alla stregua di tali emergenze, del tutto legittimamente è stata affermata la responsabilità del (omissis), nulla rilevando, evidentemente, che gli agenti intervenuti non lo abbiano direttamente sorpreso alla guida della bicicletta.

B) Infondato è il motivo di ricorso concernente il mancato riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche, legittimamente motivato dall’assenza di circostanze idonee a sminuire la gravità dei fatti di cui l’imputato si è reso responsabile.

Il ricorso deve essere, dunque, rigettato ed il ricorrente condannato al pagamento delle spese processuali.

 

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

(omissis)

 

One thought on “Velocipedi e guida in stato di ebbrezza

  1. Credo che questo tipo di sentenza, benchè concerna l’utilizzo di una bicicletta, non debba sorprendere, perchè ricordiamoci che tal mezzo è sempre stato considerato un mezzo di locomizione/trasporto. Tant’è vero che lo stesso è assoggettato all’osservanza del norme imposte da codice della strada. Quando ci troviamo di fronte ad episodi di questa natura, che possono sembrare banali, in italia rimaniamo attoniti, però, non dimentichiamoci che all’estero anche il solo camminare a piedi in una pubblica via in stato di ebbrezza comporta pene talvolta rigorose. Il caso che tratta il presente articolo, tra l’altro, non andava per nulla sottovalutato, poichè la persona interessata aveva a bordo un bambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *