Questo articolo è stato letto 200 volte

Polizia Locale, Sulpm: ‘Napolitano istituisca la bandiera nazionale’

sulpm

Il Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Municipale chiede alla Presidenza della Repubblica di istituire una bandiera nazionale della Polizia Locale.

 

Polizia Locale, Sulpm: “Napolitano istituisca la bandiera nazionale”
„”Ancora una volta la Polizia Locale viene dimenticata dagli onori per la Liberazione, eppure i Vigili Urbani hanno dato il loro contributo di vite umane. Ne ricordiamo alcuni: il 12 settembre 1943 a Barletta 11 Vigili Urbani furono fucilati dai nazisti perchè dopo l’armistizio si opposero agli invasori, a Firenze nel 1944 il maresciallo dei vigili urbani Pietro Stefanini venne fucilato insieme alla moglie per aver favorito i partigiani della Brigata Sinigallia, il Vigile Guido Piscini e il Brigadiere Attilio Mazzoni vennero uccisi da una mitragliatrice tedesca mentre approntavano la linea telefonica e la staffetta attraverso il Corridoio vasariano. A Milano il 26 aprile 1945 squadre di Vigili Urbani appartenenti alla 133 Brigata Garibaldi Sap inseguono e bloccano un autoblindo di fascisti della X Mas, nella sparatoria un vigile viene ucciso, ma invece di lasciare i prigionieri alla folla inferocita li consegnano al Prefetto Riccardo Lombardi. Il 3 maggio 1945 a Fiume, nell’Istria, i Vigili, rimaste le uniche divise insieme a Carabinieri e Finanzieri vengono catturati e imprigionati dall’esercito di Tito. Ad Abbazia (ora Grad Opatjia) nel maggio del 1945 due Vigili, Jacopacci Ezio e Scantamburlo Daniele vennero fucilati dall’esercito titino.” Lo ha ricordato Alessandro Marchetti, segretario generale Aggiunto del Sulpm.

“Solo perché il nostro datore di lavoro è l’Ente Locale – ha concluso Marchetti – i burocrati ministeriali non ci considerano neanche  italiani, ma noi il tricolore e lo spirito di servizio e sacrificio lo abbiamo portato e lo portiamo nel cuore. Questo paese deve fare pace con se stesso, solo se uniti, senza se e senza ma, potremo affrontare il futuro con maggiori aspettative, non possono continuare a ritenerci quasi italiani. Per questo abbiamo scritto al Sindaco Alemanno, affinché si attivi presso la Presidenza della Repubblica, per far istituire una bandiera nazionale della Polizia Locale fregiandola con le numerose benemerenze nel tempo ricevute dai Vigili Urbani in tutta Italia. Dimenticare i nostri Caduti è come ucciderli una seconda volta.”

 

(Comunicato Stampa inviato da Ufficio stampa Sulpm – 24/04/2012)

 

Fonte: www.romatoday.it

Fonte:

5 thoughts on “Polizia Locale, Sulpm: ‘Napolitano istituisca la bandiera nazionale’

  1. la polizia locale, è sempre stata considerata di serie “B” è solamente capace quando ai politicanti fa comodo. Non importa se si fanno interventi di non poco conto che manco le altre forze di polizia fanno. Per l’occasione si informi dalla polizia locale di milano che non ha nulla da imparare dagli altri corpi.

  2. concordo con Alessandro e comunque prima della bandiera pensiamo alla riforma, a mettere insieme un logo e qualche colore sulla stoffa si fa sempre in tempo…

  3. ancora ci si mena il torrone, con il fatto che lo Stato non ci considera come i poliziotti statali ,ma gente di serie B.
    La colpa e nostra se facessimo davvero i vigili urbani e NON i pseudo poliziotti,forse cambierebbe davvero la nostra posizione.
    Il nostro caro Marchetti e tutte le varie sigle che rappresentano il nostro settore , cominciassero a fare battglia davvero e far si che i 70 mila agenti restituiscano qualifiche di ps e pg e dopo le 22:00 finisce il servizio di tutti i vigili d’Italia (vedi D.M 145/87)..forse il MINISTERO CI PENSEREBBE A DIRE CHE SIAMO DI SERIE B ….

  4. buongiorno a tutti!
    oggi 04/07/2013 alle ore 07:30 rileggo questo articolo, sorrido per non piangere.
    Ma ,allo stato attuale, la riforma tanto attesa nemmeno più se nè discute; quindi credo che la sua attesa sarà perpetua.
    La cosa che mi rattrista di più è l’ipocrisia dei politici, quando nelle cerimonie o ricorrenze proferiscono frasi rivolte a militari o civili morti in guerra.
    ma di quei vigili urbani morti uccisi dai tedeschi? perché le istituzioni non né parlano? perché i Sindaci di tutta Italia non cominciano a rendere omaggio ai loro servitori?
    E A TUTTI NOI VIGLI D’ITALIA..basta con sta farsa della sfilata del 2 giugno , non vogliono i bibliotecari in divisa nelle loro sfilate .
    Non rendiamoci ridicoli più di quello che, quelle persone credono, noi sappiamo quanto valiamo e cosa facciamo per la collettività loro no!

  5. SAREBBE ORA CHE SI RICONOSCESSE AI VIGILI URBANI IL RUOLO DI CORPO CIVILE DELLO STATO CON COMPETENZE DI POLIZIA GENERALE
    COME RICONOSCIUTA AD ALTRI CORPI MILITARI,PERCIO’ LA BANDIERA DOVREBBE ESSERE RICONOSCIUTA DAL <PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ANCHE PER ONORARE I CADUTI OLTRE NELLA RESISTENZA NELL'ADEMPIERE AL PROPRIO DOVERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *