Questo articolo è stato letto 0 volte

Pneumatici nel mirino, migliaia di controlli per aumentare la sicurezza

Migliaia di controlli per garantire più sicurezza sulle strade. Sotto l’occhio d’ingrandimento ci saranno gli pneumatici, elementi fondamentali per la sicurezza stradale. Nei prossimi mesi, infatti, la Polizia stradale, in collaborazione con Assogomma e Federpneus, sarà impegnata in un’attività di controllo sullo stato delle gomme e di sensibilizzazione sull’importanza degli  pneumatici per la sicurezza stradale. L’iniziativa, che si chiama Vacanze Sicure 2012 ed è realizzata da Pneumatici sotto controllo e Polstrada, prevede il coinvolgimento di  tre importanti realtà regionali che indagheranno sullo stato degli pneumatici: Lombardia, Campania e Sicilia.  

“Il parco circolante italiano, dai dati Aci del 2011”, dice Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma “è di circa 49 milioni di veicoli di cui 37 milioni di auto. L’età media, stimata al 31 dicembre 2010, è di circa 8 anni e 2 mesi con una tendenza ad aumentare anziché ridursi proprio in relazione ad un minor numero di chilometri percorsi, anche per l’aggravio dei costi di carburante. Le decine di migliaia di controlli, effettuati negli anni passati dalle Forze dell’Ordine, hanno rilevato pneumatici lisci dall’8 al 10 per cento, danneggiati visibilmente dal 3 al 10 per cento, nonché quantità significative di pneumatici non omologati. A questo panorama, certo non confortante, vanno  aggiunte le vetture che circolano con pneumatici sgonfi: da indagini effettuate si stima che la metà delle auto circola  con pneumatici sotto gonfiati e di queste  il 7-8 per cento hanno pressioni di gonfiaggio inferiori del 20 per cento a quella corretta  e quindi da considerarsi in condizioni di possibile pericolosità”.
“La nostra attenzione è rivolta in  maniera crescente  al controllo del veicolo e dei comportamenti alla guida”, spiega Maria Luisa Pellizzari, direttore del servizio Polizia Stradale. “Perché  siamo convinti che  non si è mai  troppo attenti al controllo delle condizioni degli pneumatici che  devono assicurare frenata, aderenza, comfort e precisione di guida e sono perciò fondamentali per viaggiare in sicurezza”.
“Pochi centimetri di gomma”, sostiene Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma, “servono a garantire aderenza e tenuta di strada e sono perciò fondamentali per viaggiare in sicurezza. Controllo della pressione e dello stato di usura sono  buone norme di utilizzo degli  pneumatici  e questo anche in un’ottica di risparmio del carburante con conseguente salvaguardia dell’ambiente”. L’idea è quella di interessare tre territori diversi per morfologia e traffico, uno al Nord, uno al Sud e un’isola, che rappresentano quasi il 30 per cento del parco circolante italiano e quindi potranno fornire un quadro attendibile. Sarà l’occasione per porre l’attenzione sulle aree di maggiore criticità rispetto allo stato degli pneumatici per poi realizzare iniziative specifiche di informazione e controllo. I controlli, iniziati il 27 aprile, proseguiranno fino a metà giugno.

Fonte: tgcom24.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *