Questo articolo è stato letto 11 volte

Parma – Vigili urbani, Cimino vince il concorso da comandante

polizia_municipale2

E’ Alessandro Cimino, attuale vicecomandante della Polizia locale di Spinea, in provincia di Venezia, il vincitore del concorso per l’incarico di comandante della Polizia municipale di Parma. E’ stato lui, infatti, a raggiungere il punteggio maggiore  nelle prove del concorso indetto alcuni mesi fa dal commissario straordinario del Comune Mario Ciclosi per ricoprire la carica alla guida del corpo di via Del Taglio rimasta vacante dopo le dimissioni di Giovanni Maria Jacobazzi in seguito all’arresto dovuto all’indagine giudiziaria in cui era rimasto coinvolto.   E di fatto il potenziale nuovo comandante dovrebbe prendere servizio quando anche il nuovo sindaco sarà già stato eletto dai cittadini, prendendo possesso della sua  carica quasi contestualmente al nuovo primo cittadino.
Per il concorso si erano presentati 97 candidati e 89 erano stati gli ammessi da parte della commissione giudicante, composta dal segretario generale del Comune di Parma Guido De Magistris, dal viceprefetto Laura Cassio e dal comandante della Polizia locale di Milano Tullio Mastrangelo. Di questi, 45 sono i candidati che hanno sostenuto la prova scritta, ma  poi soltanto 6 sono stati quelli ammessi alla prova orale dopo lo svolgimento anche di quella teorico-pratica. E proprio la prova orale è stata decisiva per la vittoria di Cimino, che ha ottenuto complessivamente 72/90 di punteggio, visto che dopo le prime due prove, quattro degli altri cinque candidati ammessi all’orale avevano punteggi più elevati rispetto al suo.

 

Una carriera tra i vigili
Alessandro Cimino ha 44 anni e lavora nel corpo di Polizia locale di Spinea, che conta su 15 componenti,  da una decina d’anni, dove è vicecomandante con deleghe al contenzioso e ai contatti con la Polizia giudiziaria e supervisore dell’attività delle pattuglie su strada. A Spinea, cittadina di 27.400 abitanti dell’hinterland di Venezia, risiede fin da bambino, dove era arrivato con la famiglia in quanto il padre, di origini siciliane, era un dirigente pubblico. La madre, invece, proviene da una  famiglia con origini parmigiane.   Quando si insedierà, Alessandro Cimino, che verrà assunto con un contratto a tempo indeterminato, diventerà  l’ottavo  comandante «effettivo» (escludendo quindi i facenti funzione) della Polizia municipale di Parma dopo Emilio Bizzi, Pierluigi Bellaveglia, Gianfranco Bertolotti,  Gianni Ferri, Ugo Terracciano, Emma Monguidi e Giovanni Maria Jacobazzi.

 

Fonte: www.gazzettadiparma.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *